Pubblicato il

I lavoratori delle aziende in crisi ‘‘soccorrono’’ gli uffici giudiziari

Siglato un protocollo d’intesa tra Regione, Ministero della Giustizia, Corte d’Appello e Procura Generale di Roma. L’accordo è finalizzato all’orientamento ed alla formazione degli addetti reimpiegati presso le strutture del distretto della capitale. L’assessore regonale Mariella Zezza dà seguito all’impegno preso a Civitavecchia: «Otterremo due importanti risultati»

Siglato un protocollo d’intesa tra Regione, Ministero della Giustizia, Corte d’Appello e Procura Generale di Roma. L’accordo è finalizzato all’orientamento ed alla formazione degli addetti reimpiegati presso le strutture del distretto della capitale. L’assessore regonale Mariella Zezza dà seguito all’impegno preso a Civitavecchia: «Otterremo due importanti risultati»

CIVITAVECCHIA – «Il Protocollo d’intesa firmato oggi al Ministero della Giustizia è un’ulteriore risposta da parte della Regione Lazio alle esigenze degli uffici giudiziari presenti sul nostro territorio e ai lavoratori svantaggiati».
Lo ha dichiarato l’assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio Mariella Zezza al termine della cerimonia che si è svolta nella Sala Livatino di via Arenula. Il documento, siglato dall’assessore Mariella Zezza con il sottosegretario di Stato alla Giustizia, Giacomo Caliendo, il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Giorgio Santacroce ed il Procuratore Generale della Repubblica di Roma, Luigi Ciampoli, è finalizzato all’orientamento, alla formazione ed al potenziamento delle competenze dei lavoratori di aziende in crisi presso gli uffici giudiziari del distretto della Corte di Appello di Roma.
«Il risultato positivo che è stato sottolineato da tutti i firmatari – ha spiegato l’assessore Zezza -, fa seguito alla sperimentazione avviata dalla Provincia di Roma che abbiamo voluto estendere a tutto il territorio regionale. Questa intesa arriva dopo l’accordo siglato due mesi fa per l’inserimento lavorativo dei detenuti, per il quale abbiamo stanziato 1 milione di euro, e il contratto stipulato lo scorso dicembre per migliorare i sistemi informatici degli uffici giudiziari della Corte d’Appello di Roma, di analogo valore».
«Ancora una volta – ha concluso Zezza – abbiamo affermato il modello Lazio, attivando il “Distretto delle istituzioni” per dare risposte rapide ed efficienti per chi vive e lavora nella nostra Regione. Si tratta di un percorso, novità assoluta nel panorama europeo, che darà da una parte l’opportunità ai lavoratori svantaggiati di accrescere le proprie competenze professionali e, dall’altra, un supporto alla carenza organica degli uffici».
L’assessore Zezza ad inizio maggio proprio a Civitavecchia, in occasione dell’incontro con i tirocinanti della giustizia, aveva preso l’impegno di avviare nuove iniziative a sostegno degli uffici giudiziari bisognosi di personale e di lavoratori svantaggiati da reinserire o mantenere nel mercato del lavoro.

ULTIME NEWS