Pubblicato il

«Problemi finanziari, Bacheca riferisca in consiglio»

S. MARINELLA. L’opposizione chiede al primo cittadino di chiarire circa le voci insistenti su una presunta situazione di dissesto Nel mirino anche il Piano Integrato di Prato del mare

S. MARINELLA. L’opposizione chiede al primo cittadino di chiarire circa le voci insistenti su una presunta situazione di dissesto Nel mirino anche il Piano Integrato di Prato del mare

di GIAMPIERO BALDI

S. MARINELLA – «Poiché voci di corridoio non fanno che confermare i timori sul rischio di dissesto finanziario, chiediamo al sindaco Bacheca di assumersi la responsabilità di spiegare al più presto in consiglio comunale cosa sta succedendo». A parlare sono i consiglieri di minoranza preoccupati che il Comune rischi la bancarotta. «A meno che, per l’ennesima volta, non voglia che regista di fatti e situazioni di questa amministrazione sia l’assessore esterno al Bilancio Venanzio Bianchi che peraltro non è stato votato dai cittadini e che dovrebbe difendere i conti pubblici – continuano i rappresentanti delle opposizioni – chiarisca il sindaco alcuni dubbi. Che il bilancio di previsione presentato a maggio fosse a rischio di fallimento per il Comune, era palese a tutti e del resto scritto nelle stesse carte del bilancio. Noi della minoranza l’abbiamo argomentato con forza la sera del consiglio». «Perché – proseguono dall’opposizione – l’assessore esterno Venanzio Bianchi con la sua esperienza trentennale in amministrazione e le sue competenze di bilancio ha permesso che fosse votato un simile bilancio? Stava forse già pensando all’approvazione di due Piani Integrati? Uno con la scusa delle opere pubbliche, l’altro con la motivazione che mancano liquidità alla casse comunali e tutti e due favorevoli alla società Baia Serena? In altri termini la maggioranza sta per approvare entro la fine dell’anno un altro Piano Integrato, stavolta a Prato del mare? Poiché anche queste sono insistenti voci di corridoio, il sindaco Bacheca chiarisca come stanno le cose, smentisca con le parole e con i fatti che ama tanto sbandierare nei suoi manifesti. La nostra preoccupazione è forte e il senso di responsabilità pure, non possiamo immaginare che Bacheca non avverta la gravità del momento, rispetto a ogni passaggio, comprese le voci da smentire». «Del resto – dicono ancora i consiglieri di minoranza – per rispondere ad un articolo dei giorni scorsi in cui si descriveva la presa di posizione di artigiani e commercianti che hanno chiesto le dimissioni della giunta, il facile commento è che la cosa non ci stupisce minimamente. Senza pregiudizi, proprio stando a quei fatti sbandierati dai manifesti di Bacheca, da tre anni mettiamo in evidenza le inefficienze e gli errori di questa Giunta. Lo abbiamo fatto perché questo è il nostro ruolo, per fare da stimolo alla maggioranza e per indicare le alternative. Certo è che nell’ultimo anno le cose sono peggiorate per la nostra città – concludono le minoranze e uno degli aspetti che più sconcertano nella maggioranza è la totale mancanza di autocritica. Forse in questo caso l’autocritica gioverebbe a tutti i nostri amministratori, a cominciare dal capogruppo Maggi pronto nei suoi interventi pubblici a scagliarsi sempre e comunque contro la minoranza, ricordiamo che Maggi è stato di recente capace di asserire che la città è pulita e che sono stati fatti in proposito passi da gigante. Ora che anche i commercianti dicono il contrario, forse Maggi accuserà anche loro».

ULTIME NEWS