Pubblicato il

L’acquedotto Statua riparato a tempo di record

LADISPOLI. Si era verificato un guasto all’impianto elettrico delle pompe di sollevamento

LADISPOLI. Si era verificato un guasto all’impianto elettrico delle pompe di sollevamento

LADISPOLI – «A tempo di record la società Flavia Acque è intervenuta per riparare un guasto all’impianto elettrico delle pompe di sollevamento dell’acquedotto di Fosso Statua. Lavori realizzati celermente che hanno ridotto al minimo i disagi per i quartieri alti di Ladispoli dove la pressione idrica ha subito soltanto dei lievi cali”. Con queste parole il sindaco Paliotta ha annunciato la tempestiva risoluzione di alcuni problemi causati dalla bruciatura della pompa di sollevamento dell’impianto comunale che ogni giorno fornisce complessivamente 220 litri al secondo di acqua potabile. “Appena è suonato l’allarme – dice Paliotta – i tecnici della Flavia Acque sono intervenuti per sostituire la pompa di sollevamento e ripristinare dopo appena due ore il regolare flusso di acqua dai rubinetti. I disagi sono stati contenuti e hanno riguardato soltanto i palazzi più alti di Ladispoli dove le autoclavi non riuscivano a raggiungere i piani superiori ed alcune strade dei quartieri Miami e Cerreto. Nel ringraziare i tecnici della Flavia Acque per l’ottimo lavoro svolto, cogliamo l’occasione anche per ribadire alcuni concetti che sono stati messi in discussione su qualche mass media. L’acqua che viene erogata quotidianamente dall’acquedotto comunale e che arriva nelle nostre case rispetta i limiti previsti dalla normativa 31/2001 per tutti i parametri. Più in particolare per quanto riguarda la presenza dell’arsenico, problema che nelle scorse settimane ha riguardato alcuni comuni limitrofi, possiamo garantire che la sua presenza nella nostra acqua varia dagli 8 ai 9,3 microgrammi per litro contro i 10 previsti dalla normativa. Per cui, ribadiamo ancora una volta, la nostra acqua è potabile. In questo ultimo anno, inoltre, è stato aumentato di circa il 25 % il serbatoio di accumulo consentendo un notevole miglioramento della qualità dell’acqua pubblica. Inoltre l’acqua che viene erogata dal nostro acquedotto viene controllata settimanalmente alla distribuzione dalla Flavia Acque, con la raccolta di campioni dalle fontanelle pubbliche che vengono successivamente analizzati. La Flavia Acque per le analisi si avvale di un laboratorio esterno specializzato con professionisti che certificano lo stato dell’acqua. Oltre ai periodici controlli della Asl come previsto dalla legge. Insomma – ha concluso il sindaco Paliotta – l’acqua che sgorga dai rubinetti di Ladispoli è potabile e super controllata”. L’amministrazione ha anche colto l’occasione per ricordare che fino al 10 settembre l’apporto idrico della rete comunale è stato aumentato di 40 litri al secondo, 20 litri da Acea e 20 dalle sorgenti. “Questo provvedimento – conclude Paliotta – è stato indispensabile per far fronte all’aumento delle utenze dovute alla notevole presenza di turisti. Nel mese di agosto abbiamo avuto un ulteriore aumento di dieci litri al secondo per un totale di oltre 200 litri al secondo”.

ULTIME NEWS