Pubblicato il

Maggioranza, un mese per scelte e rimpasto

Consiglieri in conclave con il capo della coalizione: «Clima sereno. Prepariamo la squadra per il futuro»

Consiglieri in conclave con il capo della coalizione: «Clima sereno. Prepariamo la squadra per il futuro»

CIVITAVECCHIA – Cinque ore di confronto, prima, durante e dopo un pranzo a base di pesce allo Sporting Club Riva di Traiano. Stavolta, però, a differenza di altre riunioni di maggioranza, a far notizia è il clima di distensione e serenità in cui ieri si è svolto l’incontro, convocato tre giorni fa dal sindaco Moscherini, per tastare il polso ai consiglieri comunali di maggioranza. Assenti Pallassini, Cerrone e Di Marco, all’estero, oltre ad Alvaro Balloni, per motivi personali, e Sandro Scotti.
Moscherini ha fatto parlare i consiglieri: tanti richiami all’unità della coalizione per lo scorcio finale di legislatura, diverse riflessioni sugli errori commessi e le cose da fare e con cui riproporsi all’esame degli elettori. Tutti d’accordo sul fatto che la priorità sia quella di sciogliere i nodi sul tappeto, a partire da marina e mercato, nella massima collaborazione con le istituzioni sovracomunali.
Era molto atteso l’intervento del presidente del Consiglio Comunale Francesco Cappellani, che venerdì sera a Bianco & Nero, su Provincia Tv, aveva sostanzialmente ufficializzato l’intenzione di candidarsi a Sindaco, «con un progetto, che veda di nuovo un civitavecchiese alla guida della città e che sia in grado di raccogliere consensi al di là dei partiti». Insomma, un progetto di liste civiche, su cui però, allo Sporting, Cappellani non ha fatto alcun riferimento, riaffermando la propria «lealtà alla coalizione ed agli impegni assunti con gli elettori, fino alla fine del mandato».
Il più soddisfatto è Moscherini: «Ottima riunione – commenta il Sindaco – molto positiva negli intendimenti, molto chiara anche per gli errori da correggere. Mi ha ben impressionato la serenità con la quale si è discusso. Le conclusioni? Sono a disposizione e pronto a fare un passo indietro se dovessero trovare un candidato migliore per proseguire il lavoro dei primi quattro anni. Altrimenti andrò avanti con chi ci vuole stare. Nella seconda metà di luglio si terrà una assemblea pubblica in cui illustreremo il lavoro fatto. Chiamerò gli attuali consiglieri a sottoscrivere un documento programmatico che calendarizzi gli impegni non solo dell’ultimo anno, ma dei successivi cinque. In quella sede, quando avremo la squadra per i prossimi cinque anni, definiremo anche il rimpasto di giunta e la riorganizzazione di tutta la governance comunale. Confermiamo l’impostazione della grande coalizione, peraltro risultata vincente anche in alcuni fenomeni accaduti nelle amministrative e nel referendum. Punteremo ad allargare le larghe intese anche ad altre formazioni di sinistra».
Chiaro il messaggio per diverse forze attorno al Pd, a partire da Sel fino alla stessa Italia dei Valori, nel caso in cui dovessero cambiarne nuovamente i rappresentanti locali.

ULTIME NEWS