Pubblicato il

Mazzola: «Da Legambiente giudizio sconcertante sulla foce del fiume Marta»

 TARQUINIA – «Il mare a Tarquinia è pulito. Lo confermano i dati delle analisi mensili di Arpa. Da Legambiente troppa leggerezza: lancia epiteti e pareri sommari. Un durissimo colpo all’immagine della città, che non merita. L’Amministrazione pronta, insieme agli operatori turistici locali, a chiedere i danni». Lo afferma il sindaco Mauro Mazzola al riguardo del giudizio sulla foce del fiume Marta. «Comportamento inaccettabile da parte di Legambiente. – prosegue – Legambiente getta fango su Tarquinia e danneggia gli imprenditori balneari. Ha dato una valutazione, senza fornire alcuna prova. La città ha ottenuto tre vele blu e si pone tra le località di punta della costa laziale. Un eccellente biglietto da visita per i turisti “gettato alle ortiche” da una frase scellerata». Il primo cittadino pretende maggiore chiarezza e trasparenza da Legambiente: «Goletta Verde controlla lo stato di salute del mare solo in estate, periodo fondamentale per l’attività turistica, e un parere non positivo può influenzare negativamente l’andamento della stagione. Mi domando allora per quale motivo i controlli non vengano fatti negli altri mesi dell’anno e perché la pubblicazione dei giudizi sia sempre parziale e non completa. Legambiente, dato che si avvale di comitato scientifico, faccia conoscere per esempio i materiali usati per le analisi, i punti di prelievo, i metodi con cui sono condotte e se i dati raccolti siano comparati con quelli di Arpa». Il sindaco Mazzola sottolinea infine che «il Comune ha realizzato in questi anni importanti opere fognarie, ha potenziato il depuratore e ha condotto una costante attività di controllo sugli scarichi abusivi. Il mare è una risorsa che va difesa. Sensibilizzare l’opinione pubblica e le Istituzioni è importante. Va fatto però in modo appropriato».

ULTIME NEWS