Pubblicato il

Mercato, sopralluogo di Moscherini e Nunzi

Sindaco ed assessore, accompagnati dal dirigente Piacentini, hanno spiegato nel dettaglio le operazioni in corso ai box San Lorenzo e alla struttura ittica

Sindaco ed assessore, accompagnati dal dirigente Piacentini, hanno spiegato nel dettaglio le operazioni in corso ai box San Lorenzo e alla struttura ittica

CIVITAVECCHIA – Sopralluogo congiunto, questa mattina, del sindaco Moscherini, dell’assessore all’Urbanistica Mauro Nunzi e del dirigente del settore Massimo Piacentini, accompagnati anche dall’assessore al Commercio Alessandro Maruccio e da alcuni consiglieri di maggioranza, al mercato dove, da ieri, sono iniziati i lavori preliminari in attesa del restyling. Ad accoglierli ancora lo scetticismo di molti operatori e la speranza di altrettanti che si sono avvicinanti ai rappresentanti dell’amministrazione per avere chiarimenti. Appesi alla recinzione del cantiere alcuni cartelli piuttosto espliciti, come quello dove è stato scritto: “Dopo 9 mesi inizia il monitoraggio. Speriamo che prima o poi…partorisca”, oppure “Sarà un parto lungo e doloroso”, proprio a rappresentare le preoccupazioni dei mercatali. A tranquillizzarli e a fornire spiegazioni sono stati proprio il Sindaco, insieme a Nunzi e Piacentini, i quali hanno chiarito nel dettaglio gli interventi in corso. “Si tratta – ha spiegato il primo cittadino – dell’ultima fase prima dell’avvio materiale dei lavori veri e propri di restyling. Una volta terminata questa fase transitoria i riuniremo con i tecnici, i responsabili e la ditta per stilare un crono programma, cercando di ridurre i tempi rispetto a quelli previsti”. Per quanto riguarda il mercato ittico “sono iniziate ieri – ha spiegato l’architetto Piacentini – le verifiche stratigrafiche disposte dalla Soprintendenza che, tra l’altro, ci ha imposto un’indagine sulla pavimentazione sottostante eventualmente esistente; indagine che ha dato esito negativo”. Contemporaneamente si trivella attorno ai box San Lorenzo, “per effettuare sondaggi fino a 30 metri di profondità – ha aggiunto – analizzando anche varie interferenze di qualsiasi origine, anche archeologica, avendo inoltre un quadro completo della situazione geologica”. Come spiegato poi dall’assessore Nunzi “ci bastano 60/70 cm di scavo senza interferenze ai box San Lorenzo per permetterci – ha aggiunto – di eseguire l’intervento progettato. La prossima settimana effettueremo anche gli scavi nei corridoi liberi, come prescritto tre anni fa dalla Soprintendenza dei beni Archeologici, per eventuali presenze storiche nel sottosuolo, prima di provvedere quindi alla demolizione della struttura. Intanto attendiamo il nulla osta sia per San Lorenzo che per il mercato ittico: la Soprintendenza ha 45 giorni di tempo, dal 21 giugno scorso, per il parere in base al quale la Regione rilascerà il nulla osta. Acquisite queste autorizzazioni, entro breve potremo dare corso all’intervento programmato dall’amministrazione comunale”. Intanto il sindaco Moscherini ha messo al bando qualsiasi tipo di polemica, come le ultime tra il delegato Reginella, assente al sopralluogo, e l’assessore Nunzi. “Sono contrario alle guerre interne – ha spiegato – io faccio i conti con l’assessore e con il dirigente, e cerchiamo di andare avanti”. Moscherini ha colto l’occasione anche per chiarire che si sta lavorando per “togliere la tensostruttura dell’ortofrutta la mercato provvisorio, sostituendola – ha aggiunto – con delle strutture amovibili. Studiamo anche una soluzione per trasferire nella stessa area anche i commercianti della Palmetta”.

ULTIME NEWS