Pubblicato il

Operaio tarquiniese s'impicca in un cantiere

TARQUINIA – Si è legato ad una corda fissata all’impalcatura del cantiere edile di via Tarconte presso il quale stava lavorando, e si è lasciato andare. Un tarquiniese di 43 anni, F.M., è morto oggi pomeriggio, tra lo sconcerto generale dei parenti. Sul posto si sono recati Vigili del Fuoco, Carabinieri e Vigili urbani, oltre all’ambulanza del 118. I medici dopo lunghi tentativi di rianimare l’uomo, non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Il fatto è accaduto pochi istanti dopo la chiusura dell’orario di lavoro al cantiere aviato per il rifacimento della facciata di una palazzina situata di fronte all’ufficio postale. Il 43enne ha atteso che gli altri operai si allontanassero dal cantiere e poi ha deciso di compiere l’insano gesto, probabilmente causato da uno stato depressivo. Il 43enne, sposato e papà di due gemelline di tre anni, aveva perso da poco il suocero. La salma è ora a disposizione dell’autorità giudiziaria che ha disposto l’ispezione esterna sul corpo, da parte del medico legale. In ogni caso appare inequivocabile che si sia trattato di suicidio.

ULTIME NEWS