Pubblicato il

Primi incontri per il nuovo piano urbanistico di Tarquinia

TARQUINIA – I consiglieri comunali del Popolo della Libertà, Marco Fiaccadori, Marcello Maneschi e Silvano Olmi, hanno partecipato ieri ad una riunione della commissione urbanistica che riguardava il nuovo piano urbanistico comunale generale. Alla riunione era presente il professor Pier Luigi Cervellati, capogruppo mandatario del raggruppamento temporaneo di professionisti bolognesi che si è aggiudicato la gara pubblica per redigere il Pucg. “Purtroppo – dicono i consiglieri del Pdl – la convocazione è stata fatta con grave ritardo. Infatti, siamo stati avvisati con un sms solo ieri pomeriggio. Il sindaco Mazzola si è scusato e ne prendiamo atto. Abbiamo deciso di partecipare comunque, poiché l’argomento era troppo importante per la città e ci siamo liberati da tutti gli impegni personali e lavorativi. L’incontro con il professor Pier Luigi Cervellati e il suo staff è stato molto proficuo e improntato alla massima partecipazione e collaborazione”. “Abbiamo ribadito – dicono Fiaccadori, Maneschi e Olmi – la piena disponibilità del Popolo della Libertà a collaborare per dare vita a uno strumento che sia utile allo sviluppo ordinato e al futuro della città. Non siamo potuti entrare nei dettagli – commentano – poiché l’amministrazione comunale non ci ha consegnato preventivamente il documento preliminare di indirizzo e le note integrative redatte dal gruppo di architetti. Infine, dimostrando grande pazienza e spirito collaborativo, abbiamo chiesto che fosse redatto un verbale della riunione”. “Il nuovo strumento urbanistico è questione molto delicata – dicono i tre – che necessita la massima partecipazione di tutti. Il Pdl è a disposizione – concludono – di tutti i cittadini che vorranno farci conoscere le loro idee, che saranno valutate insieme e proposte successivamente in commissione urbanistica.”I cittadini possono contattare il partito telefonando al numero 389.9406376. Sull’incontro prende la parola anche l’amministrazione comunale: «Il documento – afferma il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola – è una delle priorità dell’amministrazione. La città ha un piano regolatore risalente al 1975 e, quindi, vecchio e inadeguato alle nuove esigenze di Tarquinia, cresciuta negli anni seguendo le necessità contingenti e non guardando al futuro». «L’architetto Pier Luigi Cervellati e il suo gruppo di lavoro – ha dichiarato il primo cittadino – rappresentano una garanzia per realizzare un progetto di qualità e condiviso con chi vuole sviluppo e non speculazione edilizia». L’architetto Cervellati ha sottolineato la complessità di realizzare uno strumento urbanistico che tenga conto di un piccolo centro abitato e di un territorio vasto circa 28mila ettari. «Dopo la città etrusca e quella medievale, nascerà la Tarquinia del XXI secolo. – ha affermato – Il territorio sarà il protagonista della pianificazione, che dovrà vedere partecipare più attori qualificati possibili». Le riunioni mattutine hanno coinvolto la giunta, i capigruppo del consiglio comunale e la Commissione Urbanistica; quella pomeridiana le principali istituzioni pubbliche locali, Università Agraria e Consorzio di Bonifica della Maremma Etrusca, tecnici e professionisti, le associazioni sindacali di commercio, artigianato e agricoltura. I tavoli tecnici si sono svolti in un clima di serenità e di massima collaborazione, con l’obiettivo di aprire un dialogo e trovare soluzioni condivise, nel rispetto comunque dei propri ambiti. A breve si faranno altri incontri, con una partecipazione ancora più diretta delle realtà locali.

ULTIME NEWS