Pubblicato il

"Non ci spaventiamo, andremo avanti"

ALLUMIERE – In collina non si spegne la polemica relativa alla Fontana Leggera. I consiglieri di minoranza del gruppo ‘‘Allumiere nel cuore’’ Vincenzo Sgamma, Paolo Brutti e Umberto Di Pietrantonio tornano a parlare dell’argomento ribadendo la loro «indignazione nei confronti del sindaco Battilocchio e per come la situazione è stata gestita». I consiglieri nella loro protesta spiegano anche che: «Ci teniamo a precisare che i nostri non sono attacchi personali – spiegano – non ci interessa la demagogia, la nostra è solo preoccupazione visto che stiamo parlando di salute pubblica. Appena si era sentito il sentore che l’acqua poteva essere inquinata bisognava subito prendere provvedimenti preventivi per salvaguardare la salute pubblica. Qui non si tratta di campagna elettorale nè di voglia di fare dicerie di paese, ma solo seria preoccupazione per la salute di tutti. La Fontana è stata chiusa solo dopo le nostre pressioni e questo non è normale. Le analisi di controllo che si stanno facendo ora dovevano essere fatte prima. I colibatteri saranno pure solo un componente delle feci ma sono sempre un elemento pericoloso. Nei nuovi tazebao abbiamo attaccato anche le carte a nostra disposizione, quindi non stiamo facendo solo chiacchiere. Non abbiamo paura delle minacce e delle querele, proseguiamo sulla nostra strada e ci penseremo noi ad agire per vie legali». (Rom. Mos.)

ULTIME NEWS