Pubblicato il

Rimangono in carcere Pampinella e De Paolis

CIVITAVECCHIA – Sono rimasti in carcere Ramon Pampinella ed Ettore De Paolis, i due civitavecchiesi arrestati dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile con l’accusa di sequestro di persona, violenza sessuale e detenzione di armi e segni distintivi delle Forze di Polizia. 
Questa mattina, infatti, a Borgata Aurelia, si è svolta l’udienza di convalida d’arresto, alla presenza dei due avvocati difensori Ivana Manni e Teresa Calbi e del sostituto procuratore Bianca Maria Cotronei. I due, davanti al giudice per le indagini preliminari Andrea Postiglione, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, senza quindi fornire la propria versione su quanto accaduto nella notte tra lunedì e martedì scorso: secondo la ricostruzione degli inquirenti i due hanno sottoposto a controllo alcune auto, fermando anche una prostituta di origine rumena. Spacciandosi per poliziotti l’hanno costretta a salire in auto, allontanandosi in direzione di Civitavecchia. Giunti a Santa Severa le avrebbero usato violenza sessuale, riaccompagnandola poi a Roma, a viale Marconi. La donna, notata una pattuglia della Polizia Locale, ha segnalato la targa dell’auto con la quale i due erano scappati; dopo poche ore sono stati arrestati dai carabinieri. Per loro gli avvocati hanno chiesto la revoca della misura cautelare, mentre il giudice ha convalidato l’arresto confermando la custodia in carcere.

ULTIME NEWS