Pubblicato il

Rsa, niente accordo tra Asl e Comune

La riunione che si è tenuta al Pincio si è rivelata un nulla di fatto: rimane il rischio per i lavoratori. Moscherini pronto a sottoporre a Squarcione una nuova bozza d’accordo 

La riunione che si è tenuta al Pincio si è rivelata un nulla di fatto: rimane il rischio per i lavoratori. Moscherini pronto a sottoporre a Squarcione una nuova bozza d’accordo 

CIVITAVECCHIA – Nulla di fatto al tavolo tecnico convocato nel pomeriggio dal sindaco Gianni Moscherini, su richiesta delle organizzazioni sindacali, con la dirigenza generale della Asl Rm F per fare luce sulla vicenda che sta interessando i dipendenti della coop Sollievo che gestisce i servizi infermierstici, medici, di assistenza e fisioterapia presso la Rsa Calamatta. Da un lato il primo cittadino avrebbe proposto di ritirare quella lettera di chiarimenti che l’Asl avrebbe inviato ad un’impresa partecipante alla gara, nella quale si indicava la “non sussistenza di alcun obbligo per l’aggiudicatario sul mantenimento del personale esistente o sulla sua riassunzione”, fatto che ha scatenato molte polemiche, e di aggiungere all’accordo tra le parti il riferimento all’articolo 8 del contratto Collettivo Nazionale Anaste a cui l’attuale impresa gestore della struttura aderisce, che invece garantisce adeguata tutela ai diritti degli operatori sanitari, per garantire la continuità di lavoro e riaprire un tavolo che assicuri i livelli occupazionali esistenti. Dall’altro lato, invece, il direttore generale Asl RmF, Salvatore Squarcione ha ribadito non solo la legittimità del bando, certificata anche dai sindacati nell’incontro di giovedì, che tuttavia tale non è stato riconosciuto dallo stesso Squarcione, ma ha anche contestato la normativa di riferimento ricordata dal Comune, poiché secondo la dirigenza sarebbe la legge n. 16/2007 e non la normativa settoriale del Contratto Collettivo Nazionale Anaste a valere tra le parti. Alla luce delle posizioni espresse, il Sindaco Moscherini ha evidenziato “l’ambiguità della linea seguita dall’Asl” e nei prossimi giorni il Comune invierà un bozza di accordo che comunque potrà essere non accettata dalle parti. 

ULTIME NEWS