Pubblicato il

Sedici Comuni in gara per il Drappo

TOLFA. Sabatoin collina la tradizionale sfida che coinvolge tutto il comprensorio Il sindaco Landi: «Risale all’epoca etrusca la spettacolare prova di velocità dei cavalli con i loro fantini» Grande successo givedì sera per la Cena di gala che ha visto la partecipazione di mille persone

TOLFA. Sabatoin collina la tradizionale sfida che coinvolge tutto il comprensorio Il sindaco Landi: «Risale all’epoca etrusca la spettacolare prova di velocità dei cavalli con i loro fantini» Grande successo givedì sera per la Cena di gala che ha visto la partecipazione di mille persone

di ROMINA MOSCONI

TOLFA – Quasi mille avventori (fra cui i rappresentanti dei 16 Comuni), tutti i ristoratori di Tolfa all’opera, cibo eccellente cucinato alla grande con prodotti tolfetani genuini e i piatti serviti nella splendida cornice della piazza V.Veneto, spettacolo mozzafiato del mangiafuoco e del falconiere che ha emozionato tutti portando in piazza una bellissima aquila e un bell’esemplare di falco, il volo di aerostati e tanto altro: questo il mix vincente della Cena di Gala che si è disputata a Tolfa giovedì sera e che è stata curata e organizzata alla perfezione dalla giunta Landi in collaborazione con i ristoratori. Nel corso della riuscita manifestazione è stato presentato il Drappo dell’edizione 2011 dedicato al 150° anniversario dell’Unità d’Italia e realizzato dalla bravissima artista collinare Simona Sestili che è piaciuto a tutti e ha colpito tutti i rappresentanti dei vari Comuni. A seguire si sono svolti anche i sorteggi per gli accoppiamenti dei 16 comuni con i cavalli: per Tarquinia il cavallo ‘‘Speranza’’, per Manziana ‘‘Stailos’’, per Anguillara ‘‘Kathy Clodovil’’, per Canale ‘‘Let Ivana’’, per Ladispoli ‘‘Rio Moonbay’’; per Santa Marinella ‘‘Ketty Import’’; per Campagnano ‘‘Patale Sharro’’; per Monteromano ‘‘Zio Pino’’; per Allumiere ‘‘Elisit’’; per Cerveteri ‘‘Sir Franco’’; per Vejano ‘‘Vortice’’; per Formello ‘‘Ultimo’’; per Trevignano ‘‘Elena’’; per Tolfa ‘‘Zarate’’; per Oriolo ‘‘Teocrito’’ e per Civitavecchia ‘‘Zingaro’’. In attesa del Drappo dei Comuni, che si terrà nella giornata odierna, ieri a Tolfa si è svolto ‘‘Comuni in festa’’, ossia il raduno bandistico dei municipi che partecipano all’evento. Le bande hanno sfilato lungo le vie del centro storico della cittadina per poi ritrovarsi in piazza V. Veneto dove hanno tenuto un concerto dedicato ai 150 anni dell’Unità d’Italia e al cittadino di Tolfa Giuseppe Benignetti, deceduto durante la 2° guerra mondiale a Bracciano, dopo un lungo cammino dalla Polonia, mentre tentava di riportare a casa un pezzo della bandiera italiana del 2° Reggimento Bersaglieri, divisa in pezzi con i compagni di guerra per scongiurare il pericolo che cadesse in mano tedesca. In questi giorni è presente a Tolfa la delegazione di Biograd Na Moru, il comune croato cioè con cui i tolfetani stipuleranno prossimamente il gemellaggio. Alla delegazione croata è stato donato, durante la Cena di Gala, un quadro della pittrice Simona Sestili sulle note dell’inno nazionale croato. Tutto poi è ormai pronto per la corsa dei cavalli purosangue al fantino che si svolge da sempre lungo il Viale d’Italia. «Una tradizione che qualcuno fa risalire addirittura agli etruschi: c’è infatti un’anfora rinvenuta nella necropoli tolfetana del Ferrone che raffigura una gara tra cavalieri. Tra i vecchi documenti, poi, abbiamo trovato varie testimonianze nel corso dei secoli e anche una locandina datata 1910 che parla di questa manifestazione – ha spiegato il sindaco di Tolfa, Luigi Landi – per tutti i tolfetani, ma anche per migliaia di turisti ed appassionati, è quindi una consuetudine antica quella di trascorrere la ricorrenza del patrono S. Egidio alla spettacolare prova di velocità dei cavalli con i loro fantini, tra pronostici, urla di gioia e di delusione». La gara equestre si aprirà stamattina alle 10 con le qualificazioni: si susseguiranno le sfide tra Tarquinia-Manziana; Anguillara-Canale Monterano; Ladispoli-Santa Marinella, Campagnano-Monteromano, Allumiere-Cerveteri, Vejano–Formello, Trevignano–Tolfa e Civitavecchia–Oriolo Romano. Nel pomeriggio (dalle 16) la manifestazione si aprirà con la sfilata dei sindaci e del corteo storico in costumi ottocenteschi con tanto di carrozze d’epoca, seguiranno le finali e la premiazione. Tra le novità più importanti di quest’anno sono le misure per la sicurezza del tracciato: «oltre 700 metri di transenne a collo d’oca, esclusive per il percorso, con le quali – ha spiegato l’assessore Dionisi – insieme all’interramento e ad altre precauzioni specifiche abbiamo voluto garantire la massima protezione per gli spettatori». Inoltre in pista ci sarà una giuria formata da 2 veterinari e 15 commissari di percorso. Per questa gara il presidente del comitato Carducci e 50 volontari hanno lavorato tutto l’anno in collaborazione con il sindaco Landi e con l’assessore Dionisi. «Il tracciato della corsa dei cavalli di Tolfa di circa 500m si snoda lungo Viale d’Italia – ha spiegato Stefano Carducci – in salita e con una curva. Il pubblico come di consueto potrà assistere gratuitamente alla gara lungo il Viale d’Italia, o con un biglietto sulle tribune in piazza Veneto e all’altezza della curva del nuovo teatro». Per il pranzo i ristoratori di Tolfa proporranno menù speciali per l’evento. Le batterie saranno inframmezzate da esibizioni di falconeria in piazza. In serata festa grande con la ‘‘Sagra della salsiccia tolfetana’’ (a cura del Rione Casalaccio) e lo spettacolo degli Appiccicaticci il tutto nella Villa comunale.

ULTIME NEWS