Pubblicato il

Tarquinia, importante scoperta nella Tomba Reale

di GAIA SALADINI
TARQUINIA – Inaspettata scoperta all’interno del Tumulo della Regina, nella necropoli etrusca di Tarquinia: dopo 2700 anni gli archeologi rimuovono infatti la lastra di pietra che sigilla l’accesso a una camera laterale alla sepoltura principale. Un’imponente struttura architettonica pertinente ad un aristocratico del VII secolo a.C.: questo è il Tumulo della Regina. Le ricerche ancora in corso, dirette da Alessandro Mandolesi con la collaborazione dell’Università degli Studi di Torino, della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria meridionale e della città di Tarquinia, hanno portato alla luce anche la camera secondaria sigillata e i resti di un raro intonaco. In visita agli scavi, il sindaco Mazzola ha affermato: «Ho voluto essere presente per assistere a un evento di eccezionale rilevanza. Questo ritrovamento – ha spiegato – testimonia lo straordinario passato etrusco della città e la ricchezza del patrimonio artistico che custodisce. Una risorsa da tutelare e promuovere, per fare di Tarquinia un importante centro culturale italiano e internazionale». Sostengono gli scavi l’Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, la Fondazione Cariciv, il Gruppo Kostelia-Maninter Europa, la New Holland Construction e l’Associazione Civita. 

ULTIME NEWS