Pubblicato il

Tarquinia, sgominata banda dedita ai furti di rame

I Carabinieri hanno arrestato cinque romeni intenti a rubare materiale sfuso e bobine dall'ex pomodorificio

I Carabinieri hanno arrestato cinque romeni intenti a rubare materiale sfuso e bobine dall'ex pomodorificio

TARQUINIA – I carabinieri di Tuscania chiudono il cerchio intorno ad una banda di rumeni. Nelle prime ore di oggi, i militari del Nucleo operativo e radiomobile di Tuscania, hanno sorpreso cinque stranieri mentre erano intenti a rubare rame dall’interno dell’ex stabilimento di lavorazione dei pomodori di Tarquinia. Il materiale stava per essere caricato a bordo di una macchina Ford Mondeo quando sono arrivati i carabinieri. I militari avevano infatti cinturato tutto il litorale e l’alto viterbese nell’ambito di un mirato servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di furti all’interno di cantieri edili ed in special modo di furti di rame. Numerosi militari dei reparti della Compagnia di Tuscania sono stati impegnati per l’operazione con servizi di appiattamento ed osservazione delle varie zone industriali. Proprio a Tarquinia sono riusciti ad individuare la banda di malviventi. I cinque stranieri, tutti giovani e con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, erano intenti a caricare quantità di rame sfuso ed in bobine pari ad oltre 500 chilogrammi. Alla vista dei militari i 5 romeni si sono dati alla fuga venendo però subito catturati. La banda era già nota alle forze dell’ordine, tutti erano infatti già caduti nella rete dei carabinieri per precedenti furti: due di loro, nel corso del 2011, erano stati sorpresi proprio a rubare rame sempre all’interno dell’ex pomodorificio della città etrusca. I malviventi, dopo gli accertamenti di rito, sono stati tradotti presso la casa circondariale di Civitavecchia a disposizione dell’ autorità giudiziaria. Il materiale di rame provento del furto è stato restituito ai proprietari, mentre l’autovettura utilizzata dai cinque ed i numerosi attrezzi usati per lo scasso, sono stati posti sotto sequestro.

ULTIME NEWS