Pubblicato il

Tutto pronto per la lunga notte dei fiori

Ben 17 gruppi al lavoro per l’infiorata del Corpus Domini

Ben 17 gruppi al lavoro per l’infiorata del Corpus Domini

TARQUINIA – Tutto pronto per la ‘’lunga notte dei fiori’’ organizzata a Tarquinia in occasione della festa del Corpus Domini. Tornano protagonisti il fascino e la suggestione di “Infiorata 2011’’ che quest’anno per la prima volta vedrà addobbata anche via Giuseppe Mazzini. Il programma della nuova edizione è stato illustrato oggi pomeriggio nella sala consiliare del palazzo comunale, dal sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola e dall’assessore al Turismo Sandro Celli. Sono 17 i gruppi coinvolti nella creazione dei tappeti floreali che abbelliranno il centro storico per il passaggio della tradizionale processione: piazza Matteotti, piazza Nazionale, corso Vittorio Emanuele II, via Mazzini appunto e piazza Duomo. Sabato dalle 18 si svolgerà la selezione e la “capatura” dei fiori e delle essenze vegetali. Dalle 21 avrà invece luogo la riquadratura a terra degli spazi e la creazione dei disegni, a cui seguirà la posa dei fiori fino a tarda notte. Principale novità sarà la presenza in piazza Matteotti di un grande mosaico di fiori composto da 17 tessere, ognuna realizzata da un gruppo. «L’Infiorata è una delle manifestazioni più caratteristiche di Tarquinia. – ha esordito Mazzola – La bellezza e la complessità delle opere che saranno esposte dimostra l’impegno e il talento artistico degli infioratori e la loro voglia di far continuare a vivere una tradizione importante». «Ci aspettiamo una grande affluenza di pubblico. – ha invece affermato l’assessore Celli – L’infiorata è un evento che unisce tradizione popolare, folclore e sentimenti religiosi. Fa parte della storia della città ed è un momento aggregante imperdibile. Ringrazio tutti i volontari che parteciperanno alla manifestazione e invito tutti i cittadini tarquiniesi ad essere presenti sabato sera». Al termine della presentazione il premio vinto nel 2010 dall’associazione Cavalieri della Civita, per il tappeto floreale più bello, è stato riconsegnato all’amministrazione, che ha donato una targa ricordo (foto in alto). Lo stesso premio, una scultura raffigurante una donna con dei fiori in grembo, dell’artista G. Calandrini (a sinistra), sarà rimesso in palio.

ULTIME NEWS