Pubblicato il

Un 'parco degli angeli' per l'integrazione sociale delle persone svantaggiate

di VIVIANA SERRA

LADISPOLI – La Fondazione Ca.Ri.Civ. ancora una volta sostiene le persone disabili con un progetto che ha come obiettivo principale la promozione dell’integrazione delle persone svantaggiate. “Il parco degli Angeli” è questo il titolo del progetto, giunto alla sua IV edizione, che ha visto la luce grazie all’attenta sensibilità della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia. Il progetto è stato presentato questa mattina nella sala convegni della Fondazione Ca.Ri.Civ. dal Presidente dell’Associazione Nuove Frontiere Onlus, Filippo Bellantone e vanta tra l’altro il patrocinio dei Comuni di Cerveteri e Ladispoli. “Il Parco degli Angeli è nato grazie all’impegno e alla dedizione di persone speciali che hanno profuso ogni loro energia al fine di migliorare le condizioni di vita di tante persone , che per ragioni di salute, sono purtroppo penalizzate, ma che possono fare molto se motivate ed incoraggiate – spiega Filippo Bellantone Presidente dell’Associazione Nuove Frontiere Onlus, nonché responsabile del Progetto – il Parco degli Angeli è un luogo aperto a tutti, affinchè chiunque possa avvicinarsi alle realtà delle persone disabili e comprenderle rendendo possibile la loro integrazione attraverso un’attività che si concretizza con la produzione florovivaistica in vaso effettuata dai ragazzi disabili e altre iniziative rese possibili grazie al sostegno e alla fiducia della Fondazione Ca.Ri.Civ.”. Soddisfatto per i risultati raggiunti dal progetto “Il Parco degli Angeli”, il presidente della Fondazione Ca.Ri.Civ. l’avvocato Vincenzo Cacciaglia, che insieme al vicepresidente della Fondazione, il dottor Enrico Iengo, anche coordinatore della Commissione Salute pubblica ed assistenza dell’Ente benefico bancario hanno sottolineato l’importanza dell’aggregazione per le persone che si trovano in difficoltà e vivono un disagio fisico. “Progetti importanti che sono rivolti a persone che vivono un disagio – ha spiegato il presidente Cacciaglia – la validità del progetto è proprio quella di stimolarli all’integrazione sociale”. Infine, il presidente Cacciaglia ha sottolineato l’importanza della sinergia tra le associazioni ed ha concluso dicendo che “il suo sogno nel cassetto” è proprio la sinergia tra le associazioni per potenziare questi progetti, complimentandosi con i loro responsabili.

ULTIME NEWS