Pubblicato il

Sabbia dai rubinetti: tutta colpa del calcare

S. MARINELLA. Ancora problemi per i residenti che da tempo non possono utilizzare appieno l’acqua I cittadini si organizzano come possono e vanno a caccia di mini depuratori

S. MARINELLA. Ancora problemi per i residenti che da tempo non possono utilizzare appieno l’acqua I cittadini si organizzano come possono e vanno a caccia di mini depuratori

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Ancora sabbia dai rubinetti nelle case dei residenti di Santa Marinella, ma la colpa è del calcare.
Non si placano infatti le polemiche susseguenti alla protesta di molti cittadini in diversi quartieri della città, che da tempo devono fare i conti con l’acqua potabile che esce dai rubinetti mischiata a sabbia color avana.
Su questa vicenda, il nostro giornale, era già intervenuto nei mesi scorsi dando voce ai residenti che da tempo non possono utilizzare l’acqua perché fortemente “aggredita” da sostanza renose.
Nei giorni scorsi, sono giunte alla società che ha in gestione il servizio idrico integrato, l’Acea Ato 2, moltissime segnalazioni su questo problema in particolare dagli abitanti di Via Del Gambero che, per primi, avevano denunciato questa anomalia presentando, come prova, un bicchiere con dell’acqua marrone dove erano depositati detriti di sabbia color avana.
Una prova che all’Acea, inizialmente non era stata sufficiente per intervenire e per verificare se vi fossero delle infiltrazioni sulla condotta. Poi però, quando aumentarono vertiginosamente le segnalazioni di simili problemi negli altri rioni, gli operai dell’Acea effettuarono un sopralluogo per verificare cosa fosse accaduto non riscontrando, comunque, anomalie nelle condotte.
Dopo diverse analisi, però, si è scoperto che il materiale renoso depositato sui filtri dei rubinetti non è sabbia, bensì normale calcare presente nell’acqua che, mischiato ad altri componenti presenti nel liquido, si trasformano in minuscole palline colorate che somiglia a sabbia.
Ovviamente, a questo problema l’Acea non può fare nulla, perché il calcare è presente nell’acqua in modo naturale e diventa impossibile eliminarlo alla fonte. Molte persone hanno cercato di porre limite a questo problema mettendo dei mini depuratori nella condotta di casa dal costo di manutenzione però  alquanto elevato.
Da un’azienda locale molto nota nel campo arriva una proposta che risolverà definitivamente il problema calcare e cioè quella di collocare in casa o nel condominio un addolcitore, un apparecchio munito di un filtro, una salamoia dove si colloca del sale a cubetti che, elettronicamente dosato dall’apparecchio inserisce la quantità di sale richiesto in base alla durezza dell’acqua e toglie le sostanze battericide e quindi anche il calcare.

ULTIME NEWS