Pubblicato il

Il consiglio approva l’assestamento di bilancio

L’opposizione lascia l’aula Pucci prima della votazione. Gli esponenti dell’Udc Mirko Mecozzi e Mirko Cerrone insieme a Vittorio Petrelli (Idv) si schierano contro. Discussa la mozione di Marietta Tidei (Pd) sulle pari opportunità passata con ventidue consensi

L’opposizione lascia l’aula Pucci prima della votazione. Gli esponenti dell’Udc Mirko Mecozzi e Mirko Cerrone insieme a Vittorio Petrelli (Idv) si schierano contro. Discussa la mozione di Marietta Tidei (Pd) sulle pari opportunità passata con ventidue consensi

Hanno abbandonato l’aula in segno di protesta i consiglieri d’opposizione poco prima della discussione dell’assestamente generale del Bilancio di previsione 2011 che ha trovato solo l’appoggio della maggioranza, 17 a favore, e ha visto il voto contrario dei consiglieri Udc Mirko Cerrone e Mirko Mecozzi e dell’Idv Vittorio Petrelli. Astenuto il consigliere Pdl Sandro Scotti. Causa di tutto il mancato invio per tempo utile del documento in seduta di commissione, giunto sulle scrivanie dei consiglieri solo nel primo pomeriggio di ieri e che per questo motivo non hanno potuto «analizzare in maniera dettagliata gli atti». A giustificare il tutto, durante il resoconto chiaro e veloce del bilancio 2011, l’assessore Gian Piero De Angelis: «Purtroppo – ha detto – molto spesso le variazioni da apportare al documento, in caso di fondi appena approvati ed erogati o negati, arrivano in ritardo, anche qualche ora prima. Per questo motivo è arduo il compito degli uffici preposti che non riescono a trasmettere gli atti per tempo». Positivo in sintesi il resoconto generale delle casse del Pincio: «Si è trattato di un anno difficile – ha spiegato De Angelis – non solo per Civitavecchia che ha dovuto fare il conto con minore risorse, ma per tutto il Paese che ad oggi è sotto osservazione a causa della crisi che incombe su di noi. Nonostante questo siamo riusciti a garantire una copertura alle spese, tra l’altro obbligatorie, dando risposte alle necessità e ai bisogni dei cittadini, quali ad esempio i servizi sociali e le manutenzioni». La massima assise cittadina, che tornerà a riunirsi domani mattina dedicando il suo tempo interamente a mozioni e interrogazioni, ha dato parere positivo anche alla mozione presentata dal consigliere Pd Marietta Tidei e ‘‘inerente la richiesta di modifica dello Statuto al fine di stabilire norme che assicurino condizioni di pari opportunità tra uomo e donna, e promuovere pertanto la presenza di entrambi i sessi negli organi collegiali del Comune’’. Ventidue i voti favorevoli che hanno regalato al consigliere d’opposizione donna grande soddisfazione: «Finalmente dopo un anno e mezzo siamo riusciti ad approvare una mozione che darà finalmente pari dignità e pari rappresentatività all’interno delle istituzioni cittadine, a partire dalla Giunta comunale che quest’anno non gode nemmeno di un assessore donna». Ad astenersi dal voto consigliere Pdl Pasquale Marino, Riccardo Sbrozzi e il presidente del consiglio Francesco Cappellani: «Si tratta di una mozione che cozza con il principio di meritocrazia». A votare contro il consigliere Pdl Fabrizio Reginella.

ULTIME NEWS