Pubblicato il

Grande partecipazione per la presentazione del libro su Calamatta

Grande partecipazione per la presentazione del libro su Calamatta

CIVITAVECCHIA – In tanti, studenti, storici, curiosi ed autorità cittadine, hanno preso parte questa mattina alla presentazione del volume “Luigi Calamatta. Memorie autobiografiche. Documenti inediti del fondo George Sand”. Il libro, a cura dell’associazione culturale “Forum Luigi Calamatta onlus”, ha il patrocinio della provincia di Roma e si inserisce nell’ambito delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. La presentazione si è svolta presso l’Aula Magna dell’Isis Calamatta di via Antonioda Sangallo 3 a Civitavecchia, in occasione del 50° dalla nascita dello stesso istituto. “Siamo molto soddisfatti – ha spiegato la presidente del Forum Giovanna Pergi – questo era un sogno di una vita e presentarlo qui, nella scuola che porta il nome di Calamatta, è un onore per la nostra associazione, nata proprio per valorizzare e divulgare la figura di Calamatta. Un volume che riusciremo a diffondere non solo a livello locale ma anche nazionale ed internazionale”. I manoscritti, conservati presso una biblioteca di Parigi, alcuni dei quali inediti ed altri, come le Memorie, già editi nel 1885 e citati negli studi bibliografici degli anni Settanta, sono pubblicati per iniziativa dell’Associazione, dalla casa editrice Palombi e sono curati dalla storica dell’arte Rosalba Dinoia. «In questo anno di manifestazioni abbiamo potuto ricostruire, come in un grande puzzle, il percorso che ha portato questo nostro Paese a diventare una realtà unita – ha spiegato l’assessore provinciale Paola Rita Stella – le celebrazioni per il 150° ci hanno permesso di riportare alla luce anche tante figure storiche passate a volte in secondo ordine. Una di queste è sicuramente quella di Luigi Calamatta, molto celebre due secoli fa in Europa, ma quasi dimenticato in Italia. Provincia di Roma ha deciso di finanziare la pubblicazione del volume che verrà poi consegnato alle scuole della città per riscoprire e quindi consegnare ai giovani del nostro territorio e alla sua comunità Luigi Calamatta, affinché possa riacquistare la sua identità e la conoscenza del suo patrimonio storico».

 

ULTIME NEWS