Pubblicato il

Incendio al porticciolo, lo svizzero respinge le accuse

Incendio al porticciolo, lo svizzero respinge le accuse

CIVITAVECCHIA – Si è difeso da ogni accusa e anzi ha sporto denuncia contro ignoti il pensionato svizzero, residente da anni in città, accusato di danno colposo per l’incendio avvenuto al porticciolo Riva di Traiano la notte tra Natale e Santo Stefano. L’uomo è il proprietario dell’imbarcazione dalla quale si sarebbe sprigionato l’incendio e dove, tra l’altro, vive tutto l’anno. Il pensionato era partito il 20 dicembre per recarsi in Germania e, come tutte le volte che si assenta, non aveva lasciato niente acceso o prese attaccate, se non la ricarica per alimentare le pompe di sentina che si attivano quando si verificano infiltrazioni di acqua per non far affondare l’imbarcazione. Tutto questo lo ha raccontato nel corso dell’interrogatorio al commissariato di Polizia, assistito dall’avvocato Paolo Tagliaferri. «È tutto da dimostrare – ha spiegato il legale – che la responsabilità per quel che riguarda l’incendio e il conseguente danno alle altre imbarcazioni sia da imputare al mio assistito». Se si sia trattato di negligenza o meno, spetterà alla Polizia ricostruirlo con le indagini ancora in corso per chiarire l’esatta dinamica di quanto accaduto.

ULTIME NEWS