Pubblicato il

Cristo Morto, a rischio la processione

Cristo Morto, a rischio la processione

L'allarme lo lancia il Priore dell'Arciconfraternita del Gonfalone Gianni De Paolis

CIVITAVECCHIA – Potrebbe essere un Venerdì Santo diverso dai soliti quello che cade il prossimo 6 aprile. È infatti a rischio lo svolgimento della tradizionale Processione del Cristo Morto. A lanciare l’allarme è stato il priore dell’Arciconfraternita del Gonfalone, Gianni De Paolis, che ha parlato di almeno tre ostacoli. “Il primo problema – ha sottolineato – è rappresentato dagli scarsi finanziamenti a nostra disposizione: lo scorso anno, ad esempio, il Comune ci aveva garantito un contributo ridotto poi in corso d’opera dalla Finanziaria: oggi ci troviamo ancora a pagare l’impegno dello scorso anno ed i fondi che abbiamo a disposizione non sono sufficienti. Quindi lanciamo un appello ai cittadini, alle imprese, alle aziende del territorio per sostenerci”. L’altro problema, non di poco conto, è invece quello degli ostacoli presenti nel percorso. “Già lo scorso anno, infatti – ha aggiunto il Priorie – non potendo passare per largo Monsignor D’Ardia a causa dei dissuasori, abbiamo percorso via Strambi: ma una processione ha dei tempi e degli spazi da rispettare. E così ci siamo trovati, a via Buonarroti, con la coda della processione che ha raggiunto la testa del corteo. Infine mancano i volontari, quelli che ci aiutano a preparare l’intera manifestazione”. Il Priore avrebbe già incontrato il sindaco Moscherini che avrebbe garantito un proprio impegno, anche per coinvolgere i privati nell’organizzazione e nel sostegno della manifestazione.  Chiunque fosse interessato può rivolgersi presso la chiesa della Stella. 

ULTIME NEWS