Pubblicato il

Giustizia, scioperano i tirocinanti

CIVITAVECCHIA – Incroceranno le braccia per tutta la settimana i tirocinanti della Giustizia impiegati a Civitavecchia, in tribunale, procura e agli uffici del giudice di pace.
I motivi sono quelli che si ripetono da mesi ormai per loro: soldi che non arrivano e scarse garanzie per il futuro.
«Nonostante le promesse anche dell’assessore regionale Zezza – hanno spiegato – la situazione da qualche mese a questa parte non è cambiata. Attendiamo ancora il rimborso di dicembre e se a questo aggiungiamo l’aggravio della situazione rappresentato dai ritardi dei soldi della monbilità il quadro si fa ancora più cupo. In tutto questo non abbiamo alcuna garanzia sulla proroga della nostra attività dopo il 20 marzo. Noi vogliamo un tavolo con il Ministero e con la Regione per avere sicurezza e garanzia: in tutto questo, ad esempio, non sappiamo che fine ha fatto il progetto del ‘‘cantiere giustizia’’ di cui tanto si è parlato nei giorni scorsi».
Stato di agitazione, quindi, fino a fine settimana. «Nel frattempo – hanno aggiunto – il Presidente della Corte d’Appello Giorgio Santacroce incontrerà il Ministro, poi di nuovo una nostra delegazione. In base a quell’incontro decideremo cosa fare». 

ULTIME NEWS