Pubblicato il

Farmacia comunale, si ipotizza la vendita

SANTA MARINELLA. I consiglieri d’opposizione parlano di personaggi pronti ad acquistare l’esercizio commerciale Ad oggi l’attività porta nelle casse comunali 120mila euro l’anno. Mucciola: «Sarebbe una pazzia»

SANTA MARINELLA. I consiglieri d’opposizione parlano di personaggi pronti ad acquistare l’esercizio commerciale Ad oggi l’attività porta nelle casse comunali 120mila euro l’anno. Mucciola: «Sarebbe una pazzia»

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Sembra che l’amministrazione sia intenzionata a vendere la farmacia comunale. Probabilmente è soltanto una ipotesi, ma in base ad alcune dichiarazioni fatte dai consiglieri di opposizione, si dice che ci siano dei personaggi che gravitano intorno alla giunta Bacheca interessati ad acquistare un esercizio commerciale che da alcuni anni porta nelle casse comunali qualcosa come 120 mila euro all’anno. Sarebbe indubbiamente una iattura per il Comune, che perderebbe questi incassi sicuri. Secondo altre indiscrezioni, sembra che questi privati acquisterebbero soltanto il 51 per cento delle quote, lasciando all’amministrazione il 49%. Una farmacia costa intorno ai cinque milioni di euro, soldi che farebbero comodo al Comune per compensare le mancate entrate delle tasse comunali, ma certamente andrebbe a danno dei meno abbienti che, attraverso la farmacia comunale possono avere a titolo gratuito i farmaci salva vita e a prezzo ridotto gli altri. Inoltre, nella farmacia comunale, vi lavorano alcune unità che sicuramente perderebbero il posto qualora la farmacia venisse ceduta a privati. A dirsi contrari a tale scelta sono i consiglieri comunali di minoranza ed in particolare il rappresentante del Pd Carlo Mucciola. «Vendere una farmacia che dà alle casse comunali circa 120 mila euro all’anno è una pazzia – dice il politico – noi non condivideremo mai una cosa del genere anzi,la combatteremo con tutte le nostre forze. La farmacia svolge un ruolo sociale molto importante perché consente ai meno abbienti di avere dei farmaci gratuiti quando soffrono di malattie invalidanti ed inoltre offre servizi essenziali per la salute dei cittadini, in particolare quelli che non possono permettersi di spendere soldi per curarsi. Noi non consentiremo mai di rendere privato questo bene comunale che ha richiesto anni di battaglie per riuscire ad ottenerlo, il capo gruppo della giunta Bacheca Marco Maggi lo sa benissimo in quanto ne è stato uno dei promotori».

ULTIME NEWS