Pubblicato il

Al Traiano: ‘‘A qualcuno piace carta’’ e ‘‘Eretici e corsari’’

Doppio imperdibile appuntamento sul massimo palco cittadino.    

Doppio imperdibile appuntamento sul massimo palco cittadino.    

Tutti a teatro in questo week end. Al Traiano infatti si susseguiranno due imperdibili spettacoli: il primo ‘‘A qualcuno piace carta’’ andrà in scena domenica 4 marzo alle 17; l’altro invece ci sarà il 5 marzo alle 21. Domenica quindi si svolgerà un nuovo appuntamento con la rassegna: ‘‘A teatro con mamma e papà’’ con il quale l’eccezionale artista Ennio Marchetto darà vita alla carta. In quasi 20 anni di carriera Marchetto è stato alla ribalta dei palcoscenici più prestigiosi del mondo; il suo spettacolo non ha confini, piace ovunque e ad un pubblico assolutamente eterogeneo dai 7 ai 70 anni. Marchetto utilizzerà costumi di carta che raffigurano grandi cantanti e grandi personaggi italiani e stranieri; dietro c’è lui, straordinario performer, a dar vita a questi costumi ripetendo movenze e tic di questi personaggi, rendendo tutto esilarante. Come per i più grandi trasformisti, la forza dello spettacolo sta nella straordinaria velocità con cui Ennio Marchetto muove i costumi, li apre, aggiunge particolari disegnati e parrucche di carta: Withney Huston, Tina Turner, Mina, Liza Minelli, Marylin Monroe, Lucio Dalla, Vasco Rossi, Madonna, Amy Winehouse e fra i nuovi personaggi Lady Gaga, Giusy Ferreri, Ornella Vanoni, Beyoncè, Celentano e Claudia Mori sono solo alcuni dei numerosi costumi a cui da vita Marchetto, in uno spettacolo che è una vera ‘‘Babilonia’’ di musica, teatro e creatività. Di tutt’altro genere lo spettacolo invece che sarà presentato al pubblico lunedì sera alle 21 magistralmente interpretato dfa Neri marcorè e Claudio Gioè nell’ambito de ‘‘Le nuove creatività’’. A metà degli anni ’70 Pier Paolo Pasolini scrisse e pubblicò gli ‘‘Scritti corsari’’, contemporaneamente, Gaber era sulla stessa lunghezza d’onda, condividendo molte delle intuizioni pasoliniane. ‘‘Eretici e corsari’’ rappresenta l’unione tra le intuizioni pasoliniane e il teatro gaberiano, che hanno descritto parallelamente, e in modo disincantato e amaro, la società e il mondo in trasformazione degli anni ‘70. Monologhi, canzoni e interviste si alternano sul palco insieme ai due protagonisti in scena, che saranno accompagnati dal vivo dalle sonorità della Gnu Quartet, quartetto d’archi noto per aver partecipato tra gli altri al Festival di San Remo.

Rom. Mos.

ULTIME NEWS