Pubblicato il

Mazzola: "Il Governo deve riconsiderare l’Imu agricola"

TARQUINIA – «L’Imu è un’imposta sbagliata creata dal Governo, la cui responsabilità ricade sui Comuni, spostando il malumore dei cittadini da Montecitorio ai singoli Municipi». Lo affermano il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola e l’assessore all’Agricoltura Loretta Di Simone. «Stiamo facendo tutte le proiezioni possibili con gli uffici tecnici, sebbene la normativa nazionale non sia ancora definita. – dichiara il primo cittadino – Rispetto al gettito dell’Ici, di cui il 20% va allo Stato, con l’Imu la quota salirà al 50%. Da una parte quindi per i cittadini l’esborso sarà maggiore, dall’altra però gli introiti per l’Amministrazione saranno uguali o inferiori rispetto allo scorso anno». «Stiamo effettuando i calcoli per trovare soluzioni che mitighino gli effetti negativi dell’imposta. – dice l’assessore Di Simone – Le persone, che chiedono di abbassare al minimo l’aliquota per i fabbricati rurali, accettano implicitamente questa imposizione. L’obiettivo deve essere invece l’esenzione dell’Imu su tutti i fabbricati delle aziende agricole, la cui attività è caratterizzata da alte immobilizzazioni di capitali a bassa redditività. Per l’Imu sui terreni, abbiamo inviato insieme all’Amministrazione di Montalto di Castro una lettera al presidente del consiglio Mario Monti, al ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Mario Catania e ai nostri rappresentanti in parlamento, per chiedere d’inserire i nostri due comuni tra le zone svantaggiate. Tra tutti i Comuni della provincia di Viterbo, solo Tarquinia e Montalto di Castro sono stati sempre esclusi dalla normativa di favore, nonostante le aree costiere siano considerate anche a livello europeo “zone meritevoli di tutela e in cui l’agricoltura dovrebbe essere favorita”. Ringrazio i sindaci Mazzola e Carai per avanzato questa proposta che, se accolta, rappresenterebbe una svolta per i nostri territori».

 

ULTIME NEWS