Pubblicato il

Crisi, chiude Ceramiche nel mondo

CIVITAVECCHIA – Ulteriore segno della crisi economica che attanaglia il territorio: la Ceramiche del mondo spa, una delle maggiori aziende del territorio nel settore delle forniture per l’edilizia e nella vendita al dettaglio di arredamenti, infissi ed altri accessori per interni e giardini, è stata costretta a cedere di fatto l’attività nei capannoni e nel grande show rooom di via Molinari in Zona industriale.
Dall’inizio di marzo, infatti, sulla sede operativa non campeggia più la grande insegna luminosa di Ceramiche nel mondo, ma il nuovo marchio che è subentrato nell’ampia e prestigiosa struttura. Si tratta di una nuova società che non ha nulla a che vedere con la Ceramiche nel mondo spa, che ha trasferito l’attività amministrativa in una sede molto più piccola, chiudendo di fatto i battenti a livello commerciale. Molti dei 25 dipendenti dell’azienda di cui era proprietario il noto imprenditore Sergio Lo Monaco (nella foto), o di altre imprese ad essa in qualche modo collegate, sono stati riassorbiti dalla nuova attività, dopo essere rimasti senza stipendio per circa 4 mesi. Il debito delle aziende facenti capo a Sergio Lo Monaco accumulato nei confronti dei dipendenti sarebbe complessivamente di circa 200mila euro, ai quali si aggiungerebbero i debiti nei confronti delle banche e dei fornitori.
L’imprenditore ha fatto sapere di aver proposto ai dipendenti un piano di pagamenti e di aver fatto lo stesso con i fornitori, ai quali è stata richiesta una ulteriore dilazione sui pagamenti già scaduti. Garantita anche la consegna della merce per la quale erano stati ricevuti acconti dai clienti.
All’origine della situazione di insolvenza ci potrebbe essere il ‘‘credit crunch’’, ossia il taglio del credito da parte di alcune banche, che avrebbe di fatto paralizzato l’attività della società, rendendo difficoltosi i pagamenti di stipendi e fornitori.

ULTIME NEWS