Pubblicato il

«Riapro il cancello su una strada che non esiste»

«Riapro il cancello su una strada che non esiste»

Pietro Tidei replica alle critiche di Gianni Moscherini dopo la concessione al Comune da parte dell’Arsial di alcuni percorsi interpoderali. Il deputato fa chiarezza sulla vicenda ‘‘Colline dell’Argento’’: «Quest’area è chiusa da sessant’anni con tanto di autorizzazione. La verità è il Sindaco si comporta come una bambina isterica che vuole il giocattolo solo per poterlo rompere» 

CIVITAVECCHIA – Il candidato sindaco del centrosinistra Pietro Tidei raccoglie “l’invito” lanciato dal primo cittadino Gianni Moscherini e apre il contestato cancello sulle colline dell’Argento.
«Moscherini – ha detto Tidei – si comporta come una bambina isterica che vuole il giocattolo solo per poterlo rompere. Non capisco perché si stia accanendo così su questa storia- hanno aggiunto il candidato e la moglie Maria Concetta Onori – quel cancello esiste da circa 60 anni. Da ancor prima che io e la mia famiglia acquistassimo la proprietà da privati e nemmeno anche l’Arsial ci ha dato il suo nulla osta per continuare a mantenerlo dopo aver chiesto esplicitamente all’ente delucidazioni circa la sua collocazione». Se poi è vero, come dichiarato da Moscherini – ha aggiunto la signora Onori – che l’Arsial ha concesso al Comune questa strada solo qualche giorno fa allora il Sindaco ha commesso abusi di potere per circa 3 anni, ossia da quando ha iniziato ad inviare controlli sulle nostre proprietà per verificare che tutto fosse in regola e che non fosse stato commesso alcun abuso». E a testimoniare l’esistenza di quel cancello, successivamente sostituito dall’Onorevole, anche due vicini di casa pronti «a confermare dinanzi all’Autorità Giudiziaria» quanto dichiarato nel 2009. Ma il problema vero della strada di cui parla il primo cittadino è «che non esiste, né è mai esistita in quanto mai realizzata dall’Ente Maremma e per di più di difficile realizzazione allo stato attuale» come dichiara la stessa famiglia Tidei. «Si tratta infatti di una strada interpoderale mai realizzata e che non porterebbe da nessuna parte, eccezion fatta per lo strapiombo. A meno che non si voglia realizzare un viadotto». E per chiudere qui ogni tipo di polemica e “faida” tra i due contendenti alla poltrona del Pincio, Tidei e consorte si dicono «favorevoli a riaprire il cancello. Anzi dato che il sindaco ha intenzione di asfaltare la strada lo faccia subito, non potremmo che esserne felici dato che si tratta di una strada molto pericolosa». 

ULTIME NEWS