Pubblicato il

Bilancio Hcs, rinviata l'approvazione

CIVITAVECCHIA – «Il bilancio di Hcs non si può approvare». Parola di Pietro Tidei. Il Sindaco lo ha dichiarato nel pomeriggio senza mezzi termini, parlando ancora una volta di un buco enorme che riguarderebbe la gestione della società nel periodo compreso tra il 2011 e i primi sei mesi del 2012. Al centro del problema i mancati versamenti contributivi a partire dal 2009. «Abbiamo avuto un’assemblea con i revisori – ha detto Tidei – proprio in quell’occasione è stato stabilito che il bilancio non si può approvare». E a consigliare prudenza al Sindaco, tanto da rinviare ad altra data ogni decisione, anche una relazione del collegio dei revisori.  «Entro il 13 luglio – ha aggiunto Tidei – dovranno fornirci le fatture di Hcs, Argo e Città pulita, più le certificazioni dei passaggi di livello riguardanti il personale dipendente delle municipalizzate». Le alternative all’orizzonte sembrerebbero da una parte la ricapitalizzazione dell’azienda, previa presentazione di un piano industriale. E dall’altra il conferimento di alcuni suoi rami a terzi. Stando così le cose però il futuro della holding appare quanto mai incerto, tanto che le preoccupazioni traspaiono dalle parole del Sindaco: «Abbiamo grossi dubbi anche sulla vendita – ha spiegato – quale privato acquisterebbe con un buco del genere? Il futuro è ancora tutto da decidere». Situazione diversa per quanto riguarda Civitavecchia Infrastrutture: prevista per ieri l’approvazione del bilancio.

ULTIME NEWS