Pubblicato il

Lavori al mercato, giallo sulle assicurazioni

Lavori al mercato, giallo sulle assicurazioni

Dopo la cessione del ramo d'azienda dalla Cogeim alla Cogeco 7 non risultano fornite neppure le garanzie fidejussorie, inoltre gli atti al Pincio non si trovano: il rischio è che gli operai stiano riqualificando l'area senza alcuna copertura

di FABRIZIA CAPUTO

CIVITAVECCHIA – Una negligenza scellerata, questo viene da pensare in merito alla questione del mercato di Civitavecchia, perché ora non si tratta solo dei lavori a rilento e delle problematiche dei mercatali, ma di controllo e di tutele, quelle che l’ex amministrazione sembrerebbe non aver preso nei confronti di un’opera pubblica così importante. La domanda è: Dove sono le polizze assicurative della Co.Ge.Co.7 S.r.l? Agli uffici del Pincio risulterebbe che non ci sono, che ci sarebbero solamente quelle della Co.Ge.Im. S.p.a., ditta che con atto notarile cedette il ramo d’azienda a quella attuale lo scorso marzo. Polizze assicurative e fidejussorie che al momento non si trovano nemmeno all’interno degli uffici dell’assessorato Opere Pubbliche e, se le cose stessero veramente così, ne potrebbe conseguire la risoluzione del contratto o presa d’atto e rimane il fatto che l’ex amministrazione avrebbe consentito alla ditta romana di lavorare per quasi quattro mesi all’interno del mercato sprovvista di cauzione, polizza R.C.T. e polizza C.A.R..

Su quali soldi il Comune avrebbe diritto di rivalersi quindi in caso eventuali inadempienze della ditta relativi all’inosservanza delle prescrizioni dei CCNL, sulla tutela, protezione, assicurazione, assistenza e sicurezza fisica dei lavoratori presenti in cantiere? Perché il Comune dovrebbe far lavorare una ditta al momento senza alcuna assicurazione? Una brutta falla se così fosse, come le mancate autorizzazioni della Asl e dei Vigili del fuoco e ultimo ma non per importanza, le presunte anomalie riscontrate in merito al distacco tra la Co.Ge.Co.7 e la M&D di almeno quattro dei nove lavoratori licenziati da quest’ultima.

ULTIME NEWS