Pubblicato il

Torre Flavia trova nuovi amici

CERVETERI – Come ogni sabato, i volontari delle Sentinelle del Mare  AK-Scuolambiente hanno prestato la loro opera nel monitoraggio dell’area protetta di Torre Flavia, segnalando alla Capitaneria di porto abusi di ogni tipo: dall’occupazione  stabile della spiaggia demaniale  da parte di alcuni ambulanti, all’accampamento di tende dietro le dune, ai pescatori diurni, fuori orario regolamentare. Inoltre, hanno provveduto a raccogliere alcuni rifiuti lungo i bordi del sentiero principale che porta al mare. Una nota piacevole è stata la consueta presenza al centro visite, molto gradita dai fruitori dell’area, in quanto crea un punto d’incontro e d’informazione a portata di cittadini.  Sabato scorso, tra l’altro,  c’è stata  anche  la sorpresa di ricevere la visita del pittore Carlo Enea Bagnoli, appassionato della storia  di Torre Flavia, che ha donato tre foto delle sue opere dedicate al monumento, mettendosi a disposizione per i progetti nelle scuole, relativi a questa area. “Affermiamo – dicono le sentinelle – di aver “reclutato” (si fa per dire) un altro amico per il Gruppo Amici di Torre Flavia, che in questo ultimo mese, grazie alla nostra attività,  ha visto crescere di ben 5 unità la numerosa lista già esistente. Ringraziamo a questo proposito Silvio Vitone degli Amici di Torre Flavia,  per il suo contributo al presidio ed alla vigilanza”. Infine, un aggiornamento associativo sul monumento naturale regionale di Torre Flavia:  Scuolambiente ed Accademia Kronos hanno chiesto un incontro alle neo- elette amministrazioni comunali, incontrando,  con alcune segnalazioni, già l’assessore Andrea Mundula per Cerveteri e  il Sindaco Crescenzo Paliotta per Ladispoli , offrendo il proprio impegno e la propria disponibilità, volti  al miglioramento della qualità di fruizione e della sicurezza per l’area protetta,  nei rispettivi ambiti comunali. Proposta accettata positivamente da ambedue gli amministratori, che,  auspichiamo possa portare ad un futuro tavolo di concertazione intercomunale, affinché possano essere condivisi obiettivi ed impegni comuni, anche con l’accordo istituzionale dell’ente gestore provinciale. (a.r.)

ULTIME NEWS