Pubblicato il

Tidei al Pincio: il Tribunale dice sì

Tidei al Pincio: il Tribunale dice sì

Il giudice si è espresso solo sull'incompatibilità che dopo le dimissioni da parlamentare da parte del sindaco è venuta a mancare. Il ricorrente pronto ad impugnare l'atto appellandosi al doppio incarico ricoperto al momento delle elezioni

Il Tribunale rigetta il ricorso sull’elezione di Tidei. La notizia è di ieri, accolta positivamente dal Sindaco che ha preferito non commentarla, dopo i battibecchi con l’opposizione.
Dubbi e anomalie attorno all’ordinanza del giudice che si è pronunciato sul ricorso presentato da un cittadino sull’eleggibilità e la compatibilità di Pietro Tidei, deputato candidato ed eletto sindaco di Civitavecchia. Il Tribunale, basandosi sul ricorso del signor Vincenzo Di Francesco, ha dichiarato cessata la materia del contendere per intervenute dimissioni da deputato dell’attuale sindaco, con compensazione delle spese di giudizio. Non ha però deciso, questo risulta dall’ordinanza, su alcuni dei capi della domanda. Di Francesco, infatti, solo in via subordinata aveva richiesto al Tribunale di concedere a Tidei la facoltà di opzione, riconoscendo quindi la causa di incompatibilità, mentre, in via principale, aveva proposto una domanda ben più importante: dichiarare l’invalidità delle elezioni a Sindaco di Civitavecchia dell’onorevole Pietro Tidei con conseguente decadenza dalla carica stessa, nel rispetto della ratio delle cause di ineleggibilità dettate per impedire che soggetti che già rivestono posizioni di potere possano abusare o comunque essere avvantaggiati dal prestigio della notorietà, influenzando l’elettorato. I giudici su questo punto non hanno risposto, aprendo così la strada ad una possibile impugnazione che, stando alle intenzioni di Vincenzo Di Francesco, potrebbe presto arrivare.

ULTIME NEWS