Pubblicato il

Cpc, Sel interviene sulle stabilizzazioni

CIVITAVECCHIA – Quelle 66 assunzioni a contratto a tempo determinato che consentono ai lavoratori di entrare «in una graduatoria cui la storica Cooperativa locale attingerà per far fronte ai contratti di lavoro all’interno del Porto di Civitavecchia» sono frutto «di una politica oculata condotta dalla dirigenza della cooperativa stessa».
Ad esprimersi con queste parole è la segreteria di Sinistra ecologia e libertà di Civitavecchia che evidenzia anche come «tali risultati siano stati possibili oltre che per la sana politica aziendale seguita dai vertici della Cpc, grazie all’unità di intenti con il presidente dell’Autorità Portuale di Civitavecchia Pasqualino Monti che, nel pieno adempimento al proprio ruolo istituzionale, ha creduto nella politica del lavoro della Compagnia portuale, riconoscendo in essa un perno fondamentale dello sviluppo complessivo delle attività portuali commerciali del nostro scalo».

ULTIME NEWS