Pubblicato il

Tvn, sciopero della fame per i sei dipendenti del primo soccorso

Tvn, sciopero della fame per i sei dipendenti del primo soccorso

Hanno deciso di incatenarsi  davanti ai cancelli di Tvn e di iniziare lo sciopero della fame, i sei dipendenti impiegati, fino all’altro ieri, nel servizio di primo soccorso all’interno della centrale. E non si muoveranno di lì fino a quando non otterranno risposte e soprattutto il loro posto di lavoro.
Una decisione assunta dopo aver appreso, con un preavviso di pochissime ore, che dal giorno dopo non avrebbero più potuto mettere piede all’interno della centrale perché per il servizio di primo soccorso era subentrata una nuova ditta. E proprio quest’ultima ha espresso sin dal primo momento la sua volontà di impiegare il proprio personale. E così è stato. “Stamattina ha fatto il suo ingresso in centrale – hanno detto i sei dipendenti – un’ambulanza proveniente dalla Provincia di Formia con un’autista e un infermiere romano”. E accusano: “Ci hanno voluto tenere buoni fino al primo agosto, quando ci è stato interdetto – proseguono arrabbiati – l’ingresso in centrale. Ad aspettarci davanti ai cancelli delle guardie. Le stesse che ora ci scortano anche per andare al bar o in bagno”.
Dalla loro parte anche le organizzazioni sindacali e gli amministratori di palazzo del Pincio. “La convenzione Enel parla chiaro – spiega Marco Feuli responsabile Filcams Cgil – il personale impiegato dalla centrale deve essere del territorio”. E ricorda come anche durante la marcia per il lavoro della Fiom uno dei punti ribaditi era “la salvaguardia dei posti di lavoro. Anche se la ditta perde l’appalto – prosegue Feuli – il personale già operante all’interno della centrale deve essere mantenuto in carica”.
E a pensarla così, tanto da volerci vedere chiaro su cosa sia successo è l’assessore alle Politiche per il lavoro Sergio Serpente che ha convocato le parti per martedì prossimo. “Voglio capire – ha detto l’Assessore – come è stata fatta la gara d’appalto e perché non sono stati salvaguardati i posti di lavoro”.
 

ULTIME NEWS