Pubblicato il

«Sette milioni e mezzo di euro dissipati»

Le minoranze attaccano l’operato dell’assessore al Bilancio Venanzo Bianchi. Le opposizioni:«Facciamo proposte da 4 anni ma continuiamo ad essere ignorati»

Le minoranze attaccano l’operato dell’assessore al Bilancio Venanzo Bianchi. Le opposizioni:«Facciamo proposte da 4 anni ma continuiamo ad essere ignorati»

S. MARINELLA – Non si placano le polemiche sorte all’indomani del consiglio comunale che ha approvato a maggioranza il bilancio consuntivo. A sparare a zero sull’assessore competente Venanzo Bianchi sono i gruppi di minoranza che dicono «Venanzo Bianchi non finisce mai di sorprenderci – scrivono in una nota Mucciola, Benci, Bianchi, Fronti, Trebiani, Rocchi, Massera e Pepe – un assessore che ha assistito inerte alla dissipazione di sette milioni e mezzo di euro come contributo Enel, che non è riuscito mai a portare in consiglio un bilancio di previsione, né un bilancio consuntivo in tempi decenti, un tecnico ‘‘esterno’’ che ha permesso per quattro volte in quattro anni un cambio di responsabili all’ufficio ragioneria. Una cosa però l’assessore la sa fare bene. Forse per la sua trentennale esperienza politica, dà spesso prova della sua grande capacità di mescolare i fatti e gettare fumo negli occhi, guardandosi bene dal dire le cose come veramente stanno». Le opposizioni spiegano il perché di questo attacco. «Sconcerta l’affermazione secondo cui, avendo quaranta giorni di tempo, l’opposizione non avrebbe presentato proposte – prosegue il comunicato – la verità è che questa minoranza, in tutte le sue componenti ed in modo unitario, fa proposte da quattro anni, puntualmente e con responsabilità in ogni consiglio comunale. Quello di sabato scorso si è aperto proprio con una proposta della minoranza sull’Imu, mozione a cui lo stesso Bianchi ha dichiarato il voto negativo della maggioranza di cui fa parte. Sempre sul piano delle proposte, già alcuni mesi fa chiedemmo alla maggioranza e all’assessore La Rosa di verificare gli importi arretrati della Bucalossi prima del 2005, periodo non ancora sottoposto a verifica, ma il bilancio di previsione del 2012 è stato compilato senza questa raccomandazione. In più la minoranza non ha potuto fare verifiche perché la sua richiesta dettagliata è rimasta senza risposte. La maggioranza, l’assessore Bianchi e l’assessore Grimaldi hanno poi accuratamente evitato di seguire le proposte della minoranza anche rispetto alla fondamentale entrata del riscatto del diritto di superficie della 167». «Un bilancio tenuto in piedi da centinaia di migliaia di euro di entrate sovrastimate – concludono le minoranze – un atto puramente elettorale al quale ha fatto eco una dichiarazione inammissibile. Su un bilancio così, quali altre proposte si aspettava l’assessore Bianchi? La nostra proposta è sempre la stessa smetterla di dissipare denaro in contributi estemporanei, programmare le spese in relazione ad un’idea di città e trattare con rigore tutte le forme di elusione. Se si pensa che la sola Bucalossi è stimata in almeno 750 mila euro e che questa amministrazione da un anno fa orecchie da mercante sul recupero delle cifre dovute prima del 2005. (Gi.Ba.)

ULTIME NEWS