Pubblicato il

Tolfarte 2012 chiama, il pubblico risponde

TOLFA – Successo senza precedenti per il Festival degli Artisti di Strada di Tolfa. Una folla costante (più di 30.000 persone), calorosa, incessante è quella che si è riversata per le vie del centro storico del paese collinare per tutti e tre i giorni della manifestazione. Gli oltre 300 artisti che si sono susseguiti nel corso dell’evento hanno portato i tanti turisti ed appassionati a rincorrere quasi affannosamente lo spettacolo successivo nella vana speranza di potersi cibare a più non posso dell’arte e dell’artigianato presenti a Tolfa. La chiusura della manifestazione è stata affidata all’attore Ascanio Celestini anche se Tolfarte non è di certo il palcoscenico per gli artisti di grido, quelli da copertina e da ingaggio a quattro zeri.
Tolfarte è invece la selezione di tutti coloro che realizzano la propria arte alla ricerca del perfezionamento della stessa e non della fama o dei soldi. Protagonista della manifestazione è stata la comunità di Tolfa, non solo quella giovanile, organizzatrice della manifestazione giunta ormai alla sua ottava edizione, ma quella costituita dai singoli cittadini che hanno accettato per tre giorni di non poter parcheggiare, di non poter dormire, di non poter transitare nelle vie della propria città per ospitare l’arte ed i suoi introiti (i negozi ed i ristoranti sono rimasti aperti fino a notte inoltrata e ben poco è rimasto sugli scaffali).
Una risposta, quindi, quella di Tolfa, data principalmente alla Regione Lazio, che a suo tempo decise di non finanziare un festival organizzato da circa settanta volontari under 35 (la comunità giovanile) a favore di altre manifestazione.
Nonostante la mancanza di fondi l’amministrazione comunale e la comunità giovanile sono riusciti a realizzare l’evento battendo ogni record di presenza. In molti rappresentanti dei comuni del comprensorio si sono già attivati per cercare di prendere spunto da Tolfarte nella realizzazione dei loro eventi, anche se il vero spirito della manifestazione difficilmente potrà essere imitato: erano infatti passate le 2 di notte mentre il Sindaco di Tolfa Luigi Landi in sella ad uno scooter cercava di risolvere la situazione del traffico, l’assessore alla cultura aiutava i commessi agli stand e la direttrice artistica spostava le panche per gli spettatori, ed a prendere gli applausi erano solo gli artisti. Questo è lo spirito di Tolfarte.
Lu. Gro.

ULTIME NEWS