Pubblicato il

Città Metropolitana, l'Udc dice no

CIVITAVECCHIA – «Quale la scelta per Civitavecchia, città metropolitana o accorpamento in una nuova realtà provinciale da costruire con Viterbo?». Se lo domanda l’Udc, parlando di scelta non facile. «Prevale indubbiamente un sentimento di rifiuto verso la città metropolitana – dichiara la direzione politica del partito –  di cui Civitavecchia costituirebbe l’estremo nord,  confusa in una realtà di quattro milioni di abitanti. Il timore è di perdere una specificità che data due millenni.  Già un anno e mezzo fa il Presidente dell’Udc, avvocato Pietro Messina – si legge in una nota – anticipando meritoriamente i tempi, sollecitava la rapida apertura di un dibattito sull’istituzione di una nuova Provincia con il nome evocativo “Della Tuscia” o “Dell’Etruria Meridionale”. Nessuno ha in tasca soluzioni ed anzi vanno accuratamente evitati pregiudizi e  pregiudiziali. Occorre ragionarne, intanto con la classe dirigente di Viterbo – spiega l’Udc – poiché se non fosse d’accordo la scelta sarebbe obbligata. Ci pare in effetti che senza un confronto con Viterbo la discussione non ci porterebbe da nessuna parte. Da qui, dunque, bisogna cominciare».

ULTIME NEWS