Pubblicato il

Spiagge affollate, ma solo la notte

di ALESSANDRO FERRI

CIVITAVECCHIA – L’estate sta volgendo al termine ed è tempo di bilanci per quanto riguarda gli stabilimenti balneari del Pirgo, che hanno visto ovviamente un calo dei fatturati, dovuto sia alla crisi, sia ai problemi di balneazione che la spiaggia ha dovuto affrontare durante quesri mesi. Non è stato comunque un fallimento totale: il lungo periodo senza precipitazioni e il fatto che la maggior parte dei civitavecchiesi non sia partita per le vacanze, preferendo rimanere in città hanno di certo favorito le entrate nelle casse dei tre stabilimenti cittadini. Grande successo invece per quanto riguarda le serate organizzate proprio a ridosso della spiaggia, serate in cui l’afflusso di giovani è stato molto grande. I responsabili comunque non si dicono affatto delusi da come è andata, anzi, sperano che questo possa costituire una solida base su cui costruire i prossimi anni. Certo, il guasto al collettore ha contribuito a rendere ancora più precaria la già traballante situazione del Pirgo, soprattutto perchè dopo la revoca del divieto di balneazione la gente ha preferito evitare di frequentare la spiaggia cittadina preferendo ‘‘migrare’’ verso altri lidi. «Se escudiamo la crisi e i problemi di balneazione è andato tutto in modo eccellente – ha scherzato un responsabile di uno degli stabilimenti – ma scherzi a parte ci aspettavamo un po’ di più da questa estate che è stata lunga e per certi versi anche molto dura da affrontare. Certo, un calo delle entrate nella stagione dello spread ce lo aspettavamo, sono comunque abbastanza soddisfatto, anche perchè siamo riusciti a portare un servizio di qualità in un posto che, dopo la mareggiata del 1941 non aveva più visto un così grande viavai di persone nel periodo tra maggio e settembre. Naturalment punteremo alla conferma del nostro stabilimento anche nella prossima estate, con l’auspicio che possa diventare un punto di riferimento per i cittadini civitavecchiesi e non». Il rilancio del Pirgo è ufficialmente iniziato e vederemo se il grande impegno messo in campo dai dirigenti degli stabilimenti verrà pagato in maniera opportuna.

ULTIME NEWS