Pubblicato il

Marina, il Comune rinuncia a tutti i ricorsi

Marina, il Comune rinuncia a tutti i ricorsi

Il 7 dicembre inizierà il processo relativo alla realizzazione dell’opera e ai volumi tecnici considerati abusivi. Lungarini: «Presentata un’istanza alla Soprintendenza per creare il declivio verde e tombare i locali»

CIVITAVECCHIA – Il Comune ha rinunciato a tutti i ricorsi presentati dalla passata amministrazione in merito all’annosa vicenda della Marina. La conferma arriva dal delegato agli affari legali, il consigliere comunale Fabrizio Lungarini, il quale dal momento del suo insediamento ha iniziato a studiare tutte le carte e l’iter relativo alla realizzazione dell’opera. «Con un atto d’obbligo – ha spiegato – l’attuale amministrazione si è impegnata a mantenere tombati definitivamente quei volumi al centro delle contestazioni con la Soprintendenza e al centro dell’inchiesta della magistratura». Inchiesta, tra l’altro, ormai chiusa, con il processo che prenderà il via il 7 dicembre prossimo: unico indagato l’ex dirigente ai Lavori Pubblici Giulio Iorio. «In base a quell’atto d’obbligo – ha aggiunto Lungarini – abbiamo presentato alla fine di luglio un’istanza alla Soprintendenza per portare a conclusione quel protocollo di intesa stipulato con la passato amministrazione e la Regione Lazio, ossia per terminare il nuovo progetto di tombatura dei locali e di realizzazione del declivio verde sovrastante». La Soprintendenza avrà tempo 90 giorni per esaminare la richiesta. «Il nostro interesse – ha chiarito il consigliere comunale – è quello di restituire la Marina alla città. Non credo che qualcuno fosse interessato a farsi carico di milioni di euro per demolire la struttura e realizzarla da zero». 

ULTIME NEWS