Pubblicato il

"Viale Adige, strano silenzio di Monteduro e Petrelli"

"Viale Adige, strano silenzio di Monteduro e Petrelli"

L'ex sindaco Moscherini interviene dopo la comunicazione dell'Area Vigilanza della Regione Lazio

CIVITAVECCHIA – «A seguito della notizia su un nuovo intervento da parte dell’Area di Vigilanza della Regione Lazio sull’edificio in fase di ultimazione in Via Adige, con il quale vengono confermate le irregolarità riscontrate nel rilascio del permesso a costruire per eccesso di volumetria, c’è da rimanere sconcertati». È quanto sostiene Gianni Moscherini, che si dice stupito, non tanto dalla posizione assunta dalla Regione sin dall’inizio della costruzione dell’edificio «che a parere del sottoscritto è alquanto fuori luogo stante le puntuali verifiche effettuate dagli uffici in sede di rilascio del titolo abilitativo – spiega – o al fatto che l’attuale delegato all’urbanistica, progettista dell’edificio, venga eventualmente coinvolto nell’indagine giudiziaria a suo tempo avviata della magistratura ed in merito alla quale è stata disposta una specifica perizia», ma dall’assenza di reazioni o di biasimi da parte di Vincenzo Monteduro e Vittorio Petrelli, definiti dall’ex sindaco «i soliti noti che per anni hanno imperversato intorno a qualsiasi notizia di abuso urbanistico o di ipotesi di reato a questi collegato».
«Il Monteduro condottiero di battaglie, tutore della legalità urbanistica, uomo della denuncia ad ogni costo – si domanda Moscherini – che fine ha fatto?
L’ex consigliere Petrelli, uomo di mille battaglie e contro ogni scempio edilizio e soprattutto colui che ha avversato da sempre la costruzione dell’edificio nascondendosi dietro gli abitanti della zona ed a cui ha fatto fare l’esposto da cui è nata l’indagine e l’intervento della Regione, e che ha reiteratamente richiesto anche l’intervento del Difensore Civico Regionale, che fine ha fatto?». E ironizza sulla delega di Vittorio Petrelli, ricevuta dal primo cittadino: «Una cosa è certa – conclude Gianni Moscherini – l’essere delegati del Sindaco se non provoca la perdita totale della parola sicuramente lo fa quando le questioni riguardano gli amici di ventura».

ULTIME NEWS