Pubblicato il

Bloccato il sistema locale di assistenza in mare

SANTA MARINELLA. La decisione è stata presa dal responsabile dello Slam Danny Englaro Il titolare si è visto notificare una multa, a suo dire illegittima, di circa 3.500 euro per non aver pagato canone per l’utilizzo dell’apparecchio ricetrasmittente. A rischio gli interventi di soccorso

SANTA MARINELLA. La decisione è stata presa dal responsabile dello Slam Danny Englaro Il titolare si è visto notificare una multa, a suo dire illegittima, di circa 3.500 euro per non aver pagato canone per l’utilizzo dell’apparecchio ricetrasmittente. A rischio gli interventi di soccorso

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Da questa mattina non è più in funzione il Sistema Locale di Assistenza in Mare. Ieri, infatti, al responsabile dello Slam, Danny Englaro, è stata notificata una multa di circa 3.500 euro per non aver pagato il canone per l’utilizzo dell’apparecchio Vhf al Ministero delle Telecomunicazioni che è in uso ad una ventina di postazioni presenti su tutto il territorio.
Da dieci anni, infatti, tutte le associazioni locali di volontariato come il Nucleo Sommozzatori, la Protezione Civile, la Misericordia, la Croce Rossa, il Circolo Nautico e gli stabilimenti balneari cittadini, sono in contatto tra loro attraverso un sistema di comunicazione di radio ricetrasmittenti Vhf che consente di monitorare e di scambiare informazioni in tempi rapidissimi su tutto ciò che succede sull’intero litorale. Questo sistema, nel corso degli anni, ha consentito ai soccorritori di salvare molte vite umane per problemi legati ad incidenti in mare. Un sistema che funzionava talmente bene da ottenere un riconoscimento internazionale. Ieri, però, due funzionari del Ministero, hanno notificato al maggior rappresentante di questo importantissimo servizio una multa per non aver pagato il canone di utilizzo della ricetrasmittente. «Sinceramente la cosa mi lascia allibito – dice Englaro – per il fatto che da dieci anni utilizziamo gli apparecchi di trasmissione ma al solo uso pubblico e cioè per la sicurezza dei bagnanti e dei natanti e non certo per questioni private. Mi sembra impossibile che sia accaduta una cosa simile, ma dopo un summit con gli altri responsabili dello Slam abbiamo deciso di interrompere immediatamente le comunicazioni per non incorrere in altre multe».
Questo chiaramente creerà dei grossi problemi a chi va in mare con la barca o fa il bagno, perché non sarà più in funzione il servizio di controllo su tutto il litorale, proprio quando le previsioni meteo annunciano giorni difficili per il peggioramento delle condizioni meteo marine. Sulla vicenda è stato avvertito anche il sindaco Roberto Bacheca, che ha dato appuntamento a domani al responsabile del servizio per parlare di questo problema. Da stamane, però, le radioline ricetrasmittenti sono mute e questo mette in allarme sia i natanti che gli stabilimenti che in caso di incidente non potranno comunicare immediatamente con i soccorritori.

ULTIME NEWS