Pubblicato il

"Area metropolitana o la Provincia dell'Etruria? Meglio la terza via!"

"Area metropolitana o la Provincia dell'Etruria? Meglio la terza via!"

Il segretario generale Cgil Cesare Caiazza chiede a maggioranza e minoranza di mettere da parte le ostilità e lavorare insieme per il bene della popolazione civitavecchiese

CIVITAVECCHIA – Come vada, entrare a far parte dell’Area metropolitana o creare una nuova provincia con Viterbo, “il riordino istituzionale definito dal Governo Monti rischia di configurarsi come l’ennesimo massacro sociale, in questo caso condito con un vero e proprio furto di democrazia e scarso rispetto delle norme costituzionali”. Ne è convinto il segretario generale CdLT Cgil Roma Nord Civitavecchia, Cesare Caiazza che ha annunciato, per il 28 settembre, uno sciopero delle categorie dei lavoratori pubblici, dell’università e ricerca di Cgil e Uil. Obiettivo: “Chiedere profonde modifiche rispetto all’insieme delle pesanti misure adottate dal Governo, attraverso la spending review, che non aggrediscono gli sprechi bensì colpiscono l’occupazione, i diritti dei lavoratori, compromettendo definitivamente la funzionalità e la qualità dei servizi, smantellando ulteriormente tutto quello che è pubblico”. Situazione drammatica per cui il segretario generale chiede a maggioranza e minoranza una “tregua” per “sostenere ricorsi e iniziative finalizzati a rivedere i tempi e i contenuti dell’articolo 17 e dell’intero decreto sulla “revisione della spesa”. Anche perché con tutti i tagli imposti agli enti locali – con una serie infinita di manovre economiche del Governo Berlusconi e poi di quello Monti – la “spending review” (al di là delle scelte sui confini istituzionali) rischia di ammazzare definitivamente realtà, come quella di Civitavecchia, già alle prese con una condizione economica e di bilancio particolarmente compromessa”. Una “terza via” insomma. Una via “di saggezza e di utilità non per questa o l’altra parte politica bensì per l’intera popolazione civitavecchiese”.

ULTIME NEWS