Pubblicato il

Diportismo, Assobalneari contraria allo scalo Matteuzzi

L'associazione chiede una collaborazione tra enti ed istituzioni per decidere dove realizzare nuovi approdi turistici

L'associazione chiede una collaborazione tra enti ed istituzioni per decidere dove realizzare nuovi approdi turistici

CIVITAVECCHIA – “La realizzazione di nuovi porticcioli turistici è una necessità, data la grande domanda da parte dei cittadini civitavecchiesi, di cui il programma di coalizione si è fatto carico”. Ne è convinto Giuseppe Tandurella, delegato al diportismo che ha convocato, per giovedì alle 19 al Comune, un incontro con la categoria alla presenza del sindaco Tidei. “In quella sede – ha spiegato – ascolteremo i punti di vista delle associazioni e dei singoli. Questa città ha bisogno di posti barca che vengano sottratti alla semplice speculazione; l’accesso al mare è un diritto naturale dei civitavecchiesi”. Anche l’Assobalneari sottolinea l’esigenza di sempre e crescenti nuovi posti barca, auspicando allo stesso tempo l’impegno a salvaguardare quei pochi tratti di costa non compromessi dall’erosione. L’associazione si dice contraria alla realizzazione di un approdo turistico in località “Scalo Matteuzzi” di cui tanto si parla da anni. “Il riferimento – ha spiegato il responsabile Marco Maurelli – va all’esistenza di troppi porti turistici tra Santa Marinella e Civitavecchia, con relativi progetti di ampliamento. Aggiungere approdi allo scalo Matteuzzi o alla Frasca significa evidenti implicazioni negative per la nostra costa”. Assobalneari sottolinea poi come realizzare un approdo turistico allo “Scalo Matteuzzi” presupporrebbe la cancellazione degli stabilimenti balneari storici, o quanto meno la traslazione delle concessioni demaniali a spese del privato concessionario “in un momento di crisi economica – ha aggiunto Maurelli – che siamo cercando di superare, con un importante progetto di valorizzazione della costa che passi dai concessionari esistenti e rilanci anche le coste non in concessione con la finalità di rilanciare il turismo della città di Civitavecchia pur senza gravarlo di nuove pesanti infrastrutture turistiche. Non siamo affatto contrari a prescindere alla realizzazione di nuovi approdi turistici purché si individuino insieme le criticità per la costa”.

ULTIME NEWS