Pubblicato il

«Continueremo ad investire negli acquedotti rurali»

Università Agraria di Tarquinia. Gli assessori Blasi e Torresi illustrano gli obiettivi dell’ente di via garibaldi Verrà portata l’acqua alla Roccaccia. Blasi e Torresi: «Basta problemi di carenza idrica dovuti alla siccità»

Università Agraria di Tarquinia. Gli assessori Blasi e Torresi illustrano gli obiettivi dell’ente di via garibaldi Verrà portata l’acqua alla Roccaccia. Blasi e Torresi: «Basta problemi di carenza idrica dovuti alla siccità»

TARQUINIA – «Ampliare i comparti agricoli serviti dall’acquedotto è una priorità dell’Ente. Portare l’acqua alla Roccaccia un obbiettivo concreto già oggetto di progettazione. Abbiamo già svolto riunioni con i soggetti interessati, scegliendo la via del confronto e della concertazione». Esordisce così l’assessore al patrimonio dall’Università Agraria Alberto Blasi.
«La strada tracciata è quella già praticata in altre aree oggi servite dall’acquedotto- dice Blasi – ovvero realizzare il progetto in compartecipazione tra gli utenti e porlo all’attenzione dell’amministrazione comunale al fine di reperire e predisporre le risorse necessarie. Disponibilità in tal senso è stata già espressa dall’assessorato competente, dimostrando la sensibilità dell’amministrazione comunale su questo tema».
«Non vanno dimenticati – sottolinea infatti – gli interventi già realizzati nelle zone denominate Argento e Farnesiana». «Fondamentale in questa fase – spiega Sara Torresi vicepresidente dell’Ente – è la raccolta delle adesioni dei cittadini interessati, sotto forma di manifestazione di interesse, al fine di riscontrare se siamo realmente davanti ad una esigenza condivisa». «I pozzi e le fonti da cui si attinge oggi nelle campagne soffrono in maniera drammatica le stagioni di siccità ultime trascorse, con l’abbassamento dei livelli e la concentrazione di sostanze nell’acqua residua». «Un problema, quello della scarsità dell’acqua – prosegue la Torresi – che incide sulla qualità della vita e rappresenta il rispetto di un diritto fondamentale». «In questa ottica – spiega Sara Torresi – l’Università Agraria ha inteso rendersi capofila di una simile progettualità, ponendo in essere il primo stanziamento necessario». «Ora spetta ai cittadini – concludono dall’amministrazione Antonelli – manifestare il loro interesse, i moduli per l’adesione sono reperibili presso l’ufficio Urp dell’Università Agraria di Tarquinia». 

ULTIME NEWS