Pubblicato il

L’Agraria di Tarquinia dalla parte dei bambini

Nuova iniziativa dell’ente di via garibaldi finalizzata a coinvolgere le scuole cittadine Tante attività per i piccoli alunni che vengono educati al rispetto dell’ambiente

Nuova iniziativa dell’ente di via garibaldi finalizzata a coinvolgere le scuole cittadine Tante attività per i piccoli alunni che vengono educati al rispetto dell’ambiente

TARQUINIA – Nuova iniziativa da parte dell’Università Agraria di Tarquinia che si schiera dalla parte dei bambini.
Borse di studio per i più piccoli; un corso concorso i cui premi andranno alla scuola; libri e mobilio per la realizzazione di una biblioteca per l’infanzia. E inoltre un bando interamente finanziato dall’ente di via Garibaldi, dal titolo ‘‘rispettiAMO il bosco’’.
Il vicepresidente Sara Torresi (nella foto),  parla di «un progetto importante, condiviso tra scuola e Università Agraria».
Verranno infatti svolte attività didattiche presso il Centro Aziendale della Roccaccia; visite guidate con personale qualificato ed escursioni nel bosco all’interno del percorso Lucignolo, grazie anche alla consueta disponibilità dell’associazione Con-tatto Natura. I piccoli alunni eseguiranno poi dei piccoli elaborati.
«La scuola per l’infanzia – spiega il vicepresidente Sara Torresi – sarà impegnata in un lavoro grafico pittorico di gruppo. Le classi prima, seconda e terza delle elementari dovranno realizzare un collage con materiali raccolti nel bosco. Le classi quarta e quinta saranno impegnate a realizzare un album fotografico. La commissione giudicante sarà infine composta da insegnanti in pensione».
In premio scaffali pieni di libri per costituire una biblioteca didattica. I libri saranno acquistati esclusivamente presso le attività commerciali di Tarquinia. «A vincere – dicono dall’Agraria – sarà comunque la scuola.
«L’obiettivo – spiega la Torresi – non è solo invitare alla lettura, ma far condividere soprattutto per i più piccoli questo momento con i propri genitori».  «Parlare di ambiente – prosegue – significa educare le future generazioni al rispetto della natura. Da qui il nome del progetto ‘‘rispettiAMO il bosco’’. «L’Università Agraria – conclude la Torresi – con i suoi oltre 2.500 ettari di boschi costituisce il polmone verde della città; giusto quindi abituare i più giovani a difendere e rispettare un simile patrimonio». «Un sentito ringraziamento – conclude il vicepresidente –  alla dottoressa Laura Candelo, al dirigente scolastico, alle sue collaboratrici e agli uffici dell’Università Agraria di Tarquinia. La consegna dei premi avverrà a Natale».

ULTIME NEWS