Pubblicato il

Novello, scena muta davanti al giudice

CIVITAVECCHIA – Si è avvalso della facolta di non rispondere il santamarinellese Vito Leonardo Novello, destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare eseguita dai carabinieri nei giorni scorsi.
L’uomo, insieme a Gianluca Kocev, Guerrino Bevilacqua e Danilo Pinna è accusato di essere autore delle tre rapine avvenute lo scorso anno all’Unicredit di via Montanucci e al Banco di Sardegna di lungoporto Gramsci di Civitavecchia, alla Ca.Ri.Civ. di Ladispoli, e del tentativo fallito alla Banca Costa dell’Argento di Pescia Romana. L’uomo, assistito dal proprio avvocato di fiducia Daniele Barbieri, ha deciso di non rispondere alle domande del giudice nel corso dell’interrogatorio di garanzia che si è svolto questa mattina al supercarcere di Borgata Aurelia. L’avvocato Barbieri, al termine dell’udienza, ha chiesto comunque al giudice una misura cautelare meno restrittiva. Richiesta che il gip, ora, ha trasmesso per un parere al sostituto procuratore che ha coordinato le indagini dei carabinieri, la dottoressa Alessandra D’Amore. Si dovranno quindi attendere dei giorni per la decisione del Tribunale. L’operazione degli uomini dell’Arma, ‘‘Tatoo 2nd Half’’, ha permesso dopo un anno di capillari indagini, di dare un nome ed un volto alla banda che, nel giro di un mese, ha messo a segno ben tre rapine in banca.    

ULTIME NEWS