Pubblicato il

«Civitavecchia deve entrare tra i porti "core"»

«Civitavecchia deve entrare tra i porti "core"»

Il Sindaco: «Si tratta di aprire nuove possibilità da Bruxelles e dal Cipe per diventare un punto di riferimento per l’area metropolitana. Benvenga l'emendamento proposto da David Sassoli»

CIVITAVECCHIA – Grande attenzione da parte del sindaco Tidei per l’iter che sta portando Civitavecchia a diventare uno dei porti ‘‘core’’ di Europa.
«Si tratta – ha spiegato Tidei – di aprire nuove possibilità di finanziamenti da Bruxelles e dallo stesso Cipe con il riconoscimento dell’Unione Europea che premierebbe il nostro scalo come il porto dell’Area Metropolitana della Capitale». E Tidei spiega come sia su questa importante tematica che verte l’emendamento che verrà discusso il 27 novembre. «Primo firmatario – sottolinea Tidei – il capogruppo del Partito democratico, l’onorevole David Sassoli». Tre i porti ‘‘core’’ proposti nell’emendamento: Cagliari, Palermo e Roma (Civitavecchia).
L’ennesima prova, per il Sindaco, «di come il futuro di Civitavecchia sia l’Area Metropolitana. Se dovessimo uscirne – sottolinea – cadrebbe il presupposto che è alla base dell’emendamento. E perderemmo anche questa opportunità».
Il primo cittadino ha infine annunciato di aver già «preso contatto con gli amici della delegazione del Partito democratico in Europa» e di come continuerà «a seguire la cosa con la cura che merita, ritenendola una grossa occasione per Civitavecchia e il suolo ruolo nel Mediterraneo».
La questione dell’inserimento di Civitavecchia nei porti di “Core Network” venne posta eslicitamente dal presidente dell’Autorità Portuale Pasqualino Monti al vice ministro Mario Ciaccia durante la “Due giorni del Mediterraneo” lo scorso 10 luglio.
In realtà, infatti, deve essere il Governo a farsi promotore della modifica dell’elenco dei porti italiani inseriti nel Core Network.

ULTIME NEWS