Pubblicato il

Mareggiata, sopralluogo di Montino a Fiumicino

FIUMICINO – Situazione critica a  Fiumicino a causa del maltempo di questi giorni. A causa della pioggia e del forte vento, ma soprattutto per via del moto ondoso del mare, alcune abitazioni sono state inondate raggiungendo il metro e mezzo d’altezza. La mareggiata, che ha sferzato tutto il litorale, ha reso necessario l’allontanamento, per motivi di sicurezza, di diverse famiglie, dalle abitazioni di via del Faro, comprensorio di Passo della Sentinella, alla foce del Tevere. Sono intervenuti i vigili del fuoco con anfibi e sommozzatori e la polizia. “Si è reso necessario – afferma il sindaco Mario Canapini, che ha firmato un’ordinanza di sgombero – un intervento su via Scagliosi per far defluire verso la campagna l’acqua del mare che, con la spinta del libeccio, ha superato le scogliere frangiflutti provocando allagamenti in strada. Le famiglie hanno trovato ospitalità presso il Centro Catalani o familiari”. Anche alcune cabine elettriche sono state sommerse dall’acqua e per precauzione è stato interrotta l’energia elettrica. Altri allagamenti si sono verificati in alcune strade di Fiumicino e nella zona di Aranova. Il forte vento ha provocato la caduta di rami e di alcuni alberi.Momenti di tensione durante le oprazioni di evacuazione: un caposquadra dei vigili del fuoco è stato picchiato e preso a mattonate da alcuni cittadini durante i soccorsi. La lite è avvenuta poiché il vigile del fuoco non riusciva a passare con il pick-up, con il quale era arrivato per i soccorsi, a causa di un solco scavato per far defluire l’acqua del mare. La situazione è degenerata e il caposquadra – a quanto si è appreso dai vigili del fuoco – è stato preso a calci, pugni e mattonate ed è stato poi trasportato all’ospedale Grassi di Ostia  e giudicato guaribile in tre giorni per contusioni al volto. Dai vigili del fuoco si apprende che sono in corso indagini sulla vicenda.”Quanto è accaduto a Passo della Sentinella è colpa delle promesse mai mantenute e di quei progetti per la messa in sicurezza di Passo della Sentinella che dopo due legislature si sono rivelate un bluff”. Lo dichiarano il capogruppo dell’Italia dei valori di Fiumicino, Claudio Cutolo, e il consigliere comunale del Pd, Paolo Calicchio, in merito agli allagamenti verificatesi nella zona alla foce del Tevere. “Ci sono un’amministrazione, che non ha un corpo di protezione civile in grado di tamponare le emergenze e di intervenire con tempestività – proseguono – ed una maggioranza che ha fatto orecchie da mercante sorvolando sugli allarmi lanciati dalla protezione civile nazionale in questi giorni”. “La notizia poi dell’aggressione del capo squadra dei vigili del fuoco in servizio al distaccamento di Ostia lido lascia sgomenti con un profondo senso si amarezza e sdegno – dichiara Calicchio, anche lui vigile del fuoco – E la dice lunga sullo stato di esasperazione raggiunto da quei residenti ai quali è stato promesso l’impossibile senza che alle parole seguissero fatti concreti. Ho proposto al gruppo del Pd alla Camera una interrogazione urgente per chiarire se e in che mani sia la popolazione civile di Fiumicino in caso di emergenza”. Intanto oggi il capogruppo Pd alla Regione Lazio, Esterino Montino, alle 15.30 effettuerà un sopralluogo a Fiumicino, nella zona del vecchio Faro e di Passo della Sentinella per constatare di persona gli allagamenti e i danni subìti . Con lui il segretario comunale Roberto Saoncella e il gruppo consiliare di Fiumicino.

ULTIME NEWS