Pubblicato il

Mareggiate, è allarme per le Saline di Tarquinia

Sos erosione per quella che ormai è diventata la ‘‘spiaggia fantasma’’ di uno dei siti più importanti di tutta la costa laziale Alessio Gambetti (Pdl) scrive alle istituzioni: «Grave danno ambientale. Intervenire subito»

Sos erosione per quella che ormai è diventata la ‘‘spiaggia fantasma’’ di uno dei siti più importanti di tutta la costa laziale Alessio Gambetti (Pdl) scrive alle istituzioni: «Grave danno ambientale. Intervenire subito»

TARQUINIA – Mareggiate sul litorale, colpita duramente la spiaggia delle Saline di Tarquinia. Distrutti più di cento metri di recinzione ed erose decine di metri di duna mediterranea, nonché abbattuto un cancello di accesso alla riserva naturale. Alessio Gambetti, del Popolo della Libertà di Tarquinia, lancia l’ennesimo sos. «Il fenomeno dell’erosione costiera  – dice- interessa tutto il water front della Riserva Naturale delle Saline di Tarquinia per un tratto di costa di circa 2,7 km, fino alla zona di San Giorgio, anch’essa colpita. Delicato ecosistema di origine antropica, da sempre tappa obbligata per gli uccelli migratori nel loro viaggio tra l’Africa e l’Europa, la Salina di Tarquinia è stata dichiarata con decreto ministeriale del 25 gennaio 1980 ‘‘Riserva naturale di ripopolamento animale’’». «Un unicum nel suo genere – ribadisce Gambetti – sia nella Regione Lazio che a livello internazionale, la Salina di Tarquinia è stata riconosciuta a livello europeo, sia Sic, sito di importanza comunitario, sia Zps, zona a protezione speciale. Ad essere a rischio purtroppo, non è solo un’area dall’elevato pregio naturalistico, ma un patrimonio culturale archeologico, come testimoniato dalle preesistenze della vicina area archeologica di Gravisca e Porto Clementino, quest’ultimo fortemente danneggiato dalla continua azione erosiva del mare». «La situazione è sempre più compromessa – allarma Gambetti – servono interventi seri ed urgenti, per quella che è già diventata la spiaggia fantasma, da sempre nel cuore di tanti tarquiniesi e non solo; come per quel patrimonio archeologico costiero, vedi Porto Clementino che sta subendo seri danni strutturali. Ogni anno, infatti, sta scomparendo pezzo dopo pezzo un grande patrimonio naturale e culturale di particolare pregio ed unicità». Eppure, in questi ultimi anni, sono state diverse le iniziative intraprese atte a sensibilizzare le istituzioni a tutti i livelli, perché si affronti in modo concreto questo annoso problema che sta minacciando irreparabilmente uno dei luoghi più belli, non solo della regione Lazio e d’Italia, ma d’Europa. «Perché l’impegno così come l’attenzione su questo sentito problema non vada a scemare – conclude Gambetti – in questi giorni si rinnoverà l’appello scrivendo alle istituzioni nazionali e territoriali competenti, vedi il ministero dell’Ambiente, il ministero per i Beni e le Attività culturali, la Regione Lazio, la Provincia di Viterbo e il Comune di Tarquinia. Quello che si sta consumando presso la vasta area della ‘‘Salina di Tarquinia-Porto Clementino’’, è un silenzioso e profondo danno ambientale, culturale e storico. Ad essere fortemente a rischio è soprattutto il luogo, la ‘‘Salina di Tarquinia-Porto Clementino’’, inteso come spazio-tempo della memoria e dell’identità storico-sociale della nostra città e non solo, che non può essere certamente nè abbandonato nè tantomeno dimenticato».

ULTIME NEWS