Pubblicato il

"Il Csm ha calcato troppo la mano"

CIVITAVECCHIA – «A mio modo di vedere il Consiglio Superiore della Magistratura ha calcato fin troppo la mano nei confronti del magisttrato Mario Almerighi». Il comento è dell’avvocato Mario Sanino, il legale che ha assistito l’ormai ex presidente del tribunale di Civitavecchia nei processi di fronte al Tribunale Amministrativo del Lazio, un mese fa, e del Consiglio di Stato l’altro giorno. In entrambi i casi i giudici hano respinto il ricorso per l’accoglimento della sospensiva del mancato rinnovo dell’incarico a Mario Almerighi. «I difeti di organizzazione del tribunale di cui parla il Csm – aggiunge il legale – non credo si possano imputare ad Almerighi, anche perchè lo stesso  Consiglio Superiore della Magisttatura  in passato, ha riconosciuto che i problemi del tribunale di Civitavecchia derivavano soprattutto dalla carenza d’organico. Almerigji, al contrario, su alcuni disservizi ha addirittura migliorato la situazione». A questo punto resta solo il giudizio nel merito del Tar del Lazio su questa vicenda, ma l’avvocato Sanino non sembra essere troppo fiducioso. «Le due sentenze già emesse sulla sospensiva – ammette – certo non  lasciano trasparire troppe speranze».

ULTIME NEWS