Pubblicato il

Inno di Mameli a scuola, il sindaco Mazzola: «A Tarquinia abbiamo preceduto i tempi. Colmato un grave vuoto culturale»

TARQUINIA – «A Tarquinia abbiamo preceduto i tempi. Sono molto soddisfatto per il via libera definitivo al disegno di legge che prevede l’insegnamento dell’inno di Mameli nelle scuole. Finalmente si colma un grave vuoto culturale». Lo afferma il sindaco Mauro Mazzola, commentando il provvedimento che istituisce il 17 marzo la giornata nazionale dell’unità d’Italia, della costituzione, dell’inno nazionale e della bandiera. «Ho sempre ritenuto importante ricordare e promuovere i valori e i simboli che sono alla base della nostro Stato. – prosegue – Per questo motivo da alcuni anni, insieme alle scuole, promuoviamo attività didattiche per far conoscere la storia che si cela dietro le più importanti ricorrenze civili e, in occasione delle celebrazioni, facciamo cantare l’inno di Mameli». Per il primo cittadino le reazioni della Lega Nord sono inaccettabili. «Dai leghisti polemiche tanto fastidiose quanto inutili. – conclude – Quando devono prendere i “mega stipendi” da consiglieri regionali, parlamentari, senatori e ministri amano la Repubblica e Roma. Inoltre, alcune volte nell’amministrare la cosa pubblica si sono dimostrati tra i peggiori politici e la magistratura è dovuta intervenire per fare pulizia. Il “Trota” insegna. Quindi avrebbero fatto meglio a tacere».

ULTIME NEWS